MusicaNotizie flashSocial StarsocietàSpettacolo

Emma Marrone e il suo Festival di Sanremo di rinascita in ‘Apnea’

L’artista salentina ha acceso l’Ariston con un look e una canzone da ripartenza

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

Come sottolineato da molti giornali, Elle compreso, tra gli abbigliamenti più apprezzati all’ultimo Festival di Sanremo, senza dubbio, ci sono stati gli outfit della cantante Emma Marrone. Con un look total leather, sapientemente curato dallo stylist Lorenzo Posocco, la cantante ha chiuso la kermesse ligure, appunto con una ventata di energia, con tanta voglia di rinascita, in una tuta di pelle nera del brand Ferrari, con colletto camp, cintura in vita e gamba ampia, il capo ideato dal direttore creativo del marchio del cavallino, Rocco Iannone, rappresenta a pieno l’indole determinata e grintosa portata sul palco dalla cantante salentina.

blank
Così intanto Emma Marrone descriveva e descrive la sua canzone sanremese che sta andando fortissimo: “È uno stato fisico e mentale. Non ho mai scollegato la testa al corpo, anzi, molto spesso sono sempre collegati. Ho passato un momento di Apnea molto importante nella mia vita (legata alla malattia e alla perdita del padre, ndr) e adesso sono pronta a ritornare a respirare. L’ho fatto per grado, per piccoli passi. È questo che mi sono sentita di fare in quest’ultimo periodo. Il pubblico mi ha aiutato tantissimo”.

Stefano Mauri

Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie