MusicaNotizie flashSocial StarsocietàSpettacolo

Davide Simonetta ancora protagonista al Festival di Sanremo: “Bagnolo Cremasco è la mia salvezza”

Dietro le canzoni di Annalisa, Geolier e i Negramaro la firma del compositore cremasco

(continua dopo la pubblicità)

La bagarre per la vittoria al festival di Sanremo non è solo tra gli artisti in gara. Dietro volti, balli e canzoni ci sono gli autori, penne d’oro a cui vengono affidate le sorti delle canzoni e delle case discografiche. Tra i fuoriclasse, corteggiati e ambiti, senza dubbio il cremasco c’è Davide Simonetta, 40 anni, ideatore di testi e armonie di successo come Due vite di Marco Mengoni, Tango di Tananai – sul podio l’anno scorso – e poi Mon Amour, Bellissima e Disco Paradise di Annalisa per dirne solo alcuni tra i più scaricati. Anche in questa edizione del festival ha due pezzi in gara, scritti e musicati da lui, Sinceramente di Annalisa e Io p’ me, tu p’ te di Geolier. Ecco, uno stralcio della sua intervista, rilasciata da Simonetta, agli inviati di ‘Domani’…

blank

Anche se a volte mi nascondo non mi sogno di tagliarmi le vene», canta Annalisa in Sinceramente.

È la mia strofa preferita. Con lei lavoro da anni, siamo amici. Sinceramente ha avuto un iter lungo, c’è stata una cura del dettaglio incredibile. Le canzoni nascono dalla vita comune, dal caffè che beviamo prima di entrare in studio, da lì inizia il processo creativo.

E il pezzo di Geolier?

Con lui ho curato più la melodia, è un flusso di coscienza. È un artista vero, mi ha arricchito come persona, in una giornata abbiamo scritto il pezzo. Ma anche parlato, mangiato la pizza, ascoltato altri pezzi. Non lo conoscevo, ha lasciato il segno. 

Come nascono i pezzi?

Io viaggio tanto con la testa, ho una sensibilità spiccata. Osservo molto perché le canzoni stanno nelle frasi che le persone dicono senza accorgersi. Sono nei piccoli gesti, momenti a cui nessuno dà importanza ma che per me sono fonte d’ispirazione. Oggi ad esempio mi trovavo in ospedale con la mia fidanzata Veronica, eravamo in ascensore, lei si è girata, aveva la mascherina e mi ha sorriso con gli occhi per trasmettermi tranquillità, quando era lei quella da proteggere. In quel momento è nata una canzone.

Il momento che preferisce?

Io vengo da Bagnolo Cremasco, paesino di 5 mila abitanti dove mi piace tornare, per ascoltare le storie degli amici che vivono lì. È la mia salvezza.

Stefano Mauri

 

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie