Notizie flashSocial Starsocietà

Chiara Ferragni indagata, intanto l’ospedale Regina Margherita di Torino ha ricevuto un milione di euro in beneficenza

L'influencer di Cremona, serena, collaborerà con gli inquirenti, ma la strumentalizzazione del caso Balocco la preoccupa

(continua dopo la pubblicità)

Quindi il pandoro Balocco griffato Chiara Ferragni, che aveva colorato di rosa il Natale 2022, è finito al centro di un’inchiesta per truffa aggravata. È questo il reato per cui la Procura di Milano ha iscritto nel registro degli indagati l’imprenditrice digitale più famosa di Italia, travolta da una vera e propria tempesta mediatica per quello che lei stessa aveva definito come un ‘errore di comunicazione’, vale a dire, avere fatto credere ai consumatori che i ricavi delle vendite del pandoro ‘Pink Christmas’, sarebbero stati donati in beneficenza,

blank

Intanto, l’ospedale Regina Margherita di Torino ha incassato il milione di euro donato da Chiara Ferragni lo scorso 19 dicembre, ovvero il giorno dopo il video di scuse pubblicato sul suo profilo Instagram nel tentativo di recuperare, il danno d’immagine subito dopo il pandoro-gate che ha colpito lei e l’azienda dolciaria piemontese Balocco.

blank

La cifra verrà utilizzata per sostenere le attività istituzionali della struttura complessa di oncoematologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero-universitaria città della salute e della scienza di Torino e per attività di ricerca che sono in fase di definizione da parte della società donante, la Tbs crew S.r.l. (di Chiara Ferragni. Intanto, per ora, dopo le “Instagram stories” pubblicate domenica, quando aveva portato i bambini a cavallo, tutto tace sui suoi profili social della Ferragni, la quale, nelle scorse ora ha fatto comunque trapelare quanto segue: “Ho piena fiducia nell’attività della magistratura e con i miei legali mi sono messa subito a disposizione per collaborare e chiarire ogni dettaglio di quanto accaduto nel più breve tempo possibile. Sono, invece, profondamente turbata per la strumentalizzazione che una parte dei media sta realizzando, anche diffondendo notizie oggettivamente non rispondenti al vero”.  

 

Stefano Mauri

 

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie