Notizie flashSocial StarsocietàSpettacolo

Tutti addosso a Chiara Ferragni (siamo tutti giudici?), ma forse è solo invidia

L'influencer e imprenditrice cremonese è tornata sui social. E chi sa solo insultarla, ora saprà cosa fare

(continua dopo la pubblicità)

Giù di tono, lontana dal web, causa ‘Affaire Pandori’ a Natale e Capodanno, Chiara Ferragni inevitabilmente (e finalmente: almeno chi vive per insultarla sa che fare), quindi è tornata sui social prima della Befana. Per carità, la pratica commerciale scorretta, ravvisata dall’Antitrust, rimane una caduta (errare è umano) e per questo motivo Chiara Ferragni, nell’ormai famoso video di scuse, beh ha già specificato che d’ora in poi terrà nettamente separate le operazioni commerciali dalle opere di beneficenza onde evitare, si generino equivoci ed errori di comunicazione, ma aspettando gli ulteriori e doverosi accertamenti delle procure, chi siamo noi, più connessi dei Ferragnez, per giudicare, crocefiggere e insultare Chiara da Cremona?

blank

Veramente qualcuno crede che Chiara Ferragni (angelo o diavolo?) riesca, da sola, a seguire, ad avere il pieno controllo su tutte le sponsorizzazioni, promozioni ed operazioni commerciali legati alla sua immagine, alla sua professione, a un mestiere inventato da lei, tutto basato (così va il mondo e da prima dei Ferragnez) sull’apparenza? Tristi, delusi, eternamente scontenti, gelosi, spocchiosi, boriosi, frustarti (non tutti è) attenti solo a giudicare gli altri, indubbiamente non aspettavamo altro che il pandoro andato di traverso, per gridare (via social, metto che pensiamo paradossalmente di ‘odiare’) al lupo contro Chiara e Fedez, personaggi del nostro tempo che, piaccia o non piaccia, sono riusciti a fare la vita che volevamo fare noi. Tuttavia, prima di una sentenza di un tribunale ci sarebbe il cosiddetto principio della presunzione d’innocenza, ergo anziché scagliarci contro Facebook (magari dopo aver postato un bel selfie o pensieri rubati qua e là spacciandoli per massime di vita), o contro la Regina della Moda cremonese (il suo mestiere è apparire, influenzando. Non farsi influenzare troppo non dipende la lei), beh evitiamo di prenderci troppo sul serio, alla fine è solo tutta vita. Se poi le eventuali sentenze stabiliranno colpe, chi ha ‘cannato’, inesorabilmente (ed è giusto così), pagherà.

Stefano Mauri   

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie