Bar SportNotizie flashSocial Starsocietà

E’ una Juve bestiale: tiene dietro, non va in tilt ed è seconda in classifica

Pure Beppe Bergomi elogia questa Juventus molto Allegriana

(continua dopo la pubblicità)

Una stoccata di Rabiot basta alla Juventus per stendere la Roma e portarsi a -2 dall’Inter. Tre punti pesantissimi per i bianconeri che salgono a quota 43 e tornano a far sentire il fiato sul collo a Inzaghi.

blank
Giuseppe Bergomi
, talent di
SKY, ha parlato al termine della sfida fra Juventus e Roma, terminata appunto 1-0 per i bianconeri, analizzando la fase difensiva instillata da Massimiliano Allegri nei suoi giocatori. “C’è una tenuta mentale pazzesca, una durezza. E sono caratteristiche che si allenano, ci sono dei momenti della partita in cui si mettono negli ultimi trenta metri, punte incluse. Se non sei bravo nelle preventive loro ti ripartono e ti fanno male, anche nel primo tempo ci sono stati due o tre contropiedi, anche se non sono sfociati poi in una conclusione pericolosa tipo la rovesciata di Vlahovic”.

Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, analizza così ai microfoni di DAZN la sfida vinta di misura contro la Roma: “Giocare contro la Roma non è mai semplice, è stata una bella partita. Nel primo tempo abbiamo rischiato in un paio di situazioni ma la squadra è rimasta compatta. Nel secondo abbiamo approcciato bene, potevamo segnare anche il secondo gol, era importante vincere per allungare su quelle dietro. Abbiamo fatto 43 punti che sono tanti, vediamo quanti saranno alla fine del girone d’andata”.

Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie