Notizie flashSocial Starsocietà

Chiara Ferragni e l’etichetta che apre scenari nell’affaire Pandori?

La procura indaga per fare luce sulla vicenda

(continua dopo la pubblicità)

Si indaga sul pandoro Pink Christmas di Balocco firmato Chiara Ferragni, ma anche sulle operazioni analoghe legate alle uova di pasqua “brandizzate” e alle presunte iniziative di beneficenza.

blank

La sanzione dell’Antitrust ha aperto scenari e sui social spuntano indizi che danno ragione a una parte o all’altra. C’è per esempio una parte dell’etichetta del pandoro Pink Christmas: “Chiara Ferragni e Balocco sostengono l’Ospedale Regina Margherita di Torino, finanziando l’acquisto di un nuovo macchinario che permetterà di esplorare nuove strade per le cure terapeutiche dei bambini affetti da Osteosarcoma e Sarcoma di Ewing”, si legge sul cartoncino postato sulla pagina Twitter da Mariano Cervone che chiede: “Scusate, ma dov’è che sta scritto ‘per ogni pandoro acquistato’ o cose simili? In lingua italiana significa che il Pandoro Balocco rientra in un progetto (più ampio) sostenuto anche da Chiara Ferragni per l’ospedale. Ma non c’è correlazione diretta tra la vendita e la donazione”. Così riporta il quotidiano La Stampa. Detto ciò se l’etichetta sostiene la buona fede dell’influencer di Cremona, Antitrust e Procura hanno guardato, guardano e guarderanno ad altri aspetti. Intanto una vera e propria rivolta mediatica, con numerosi utenti che stanno intasando i social con commenti negativi sulla Ferragni sta sempre sconvolgendo il web.

Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie