MusicaNotizie flashSocial StarsocietàSpettacolo

Emme Marrone ha acceso di emozioni e Malincomagia i Magazzini Generali di Milano con un ‘Souvenir’ straordinario

Spettacolare, meravigliosamente pop, tra la gente e magico lo show milanese dell'artista salentina

(continua dopo la pubblicità)

“Questo tour nei club con voi che siete la mia gente è proprio quello che volevo fare. Girando in questi posti sono tornata, mi sto ritrovando. Ed è più bello ritornare, se c’è qualcuno che vi aspetta. Anche voi fate quello che volete, seguite il vostro cuore”. Con queste parole, dette col cuore, Emma Marrone, a modo suo ha caratterizzato alla grandissima, la sua seconda serata milanese ai Magazzini Generali, location mitica della nightlife milanese: sold out appunto per una meravigliosa, in forma, bella, brava, ispirata, lanciata, Pop (si è lanciata due volte tra il suo popolo), straordinaria Emma.  Scritto nei luoghi più disparati, Souvenir (Capitol/Universal Music) raccoglie le immagini, i colori e le emozioni sentite e vissute da Emma in più di due anni. Il souvenir del resto è ciò che resta di questo incredibile viaggio che attraversa la vita reale, no?

blank

La realtà e le cose concrete sono il centro di tutto il nuovo progetto discografico dell’artista salentina. E proprio per questa voglia di riportare al centro l’autenticità delle emozioni e dei legami che Emma ha deciso di presentare al suo pubblico il nuovo disco con alcuni speciali appuntamenti nei club d’Italia: un incontro a tu per tu, in un luogo intimo, rock per un ritorno alle origini in cui poter vivere e condividere in modo intenso tutti i colori e le emozioni di ‘Souvenir’: evento strepitoso che, in poco meno di un’ora e mezza, senza bis, manda tutti a casa ballando prima sulle note travolgenti di ‘Taxi sulla luna’ con il feat virtuale con Tony Effe e la conclusiva, magica ‘Sentimentale’. Chapeau ad Emma Marrone, cantante favolosa che è rimasta se stessa e che ha acceso di emozioni i Magazzini Generali di Milano in tre serate di un novembre malincomagico milanese.

Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie