MusicaNotizie flashSocial StarsocietàSpettacolo

Fiorello ci ha burlato tutti, ma Fedez e Chiara Ferragni al Festival farebbero bene

Quel burlone dello showman di Viva Rai 2 e’ uno straordinario mattatore

(continua dopo la pubblicità)

Allora che Fedez faccia il direttore musicale dopo Amadeus ci sta. Ha un gusto musicale incredibile, mi piace”, ha commentato Fiorello, che è stato protagonista sul palco dell’Ariston nel 2020 e nel 2021. Tutto bello, tutto giusto, ma c’è una sorpresa: a parlare in diretta al telefono con Fiorello non era il vero Fedez. Eh già quelli che “Aspettando Viva Rai 2!” hanno confezionato una bella burla delle loro, accendendo l’Italia col sussurro che indicava Fedez nuovo direttore artistico del Festival di Sanremo. Ecco il pensiero del diretto interessato:

blank
“Amici giornalisti, non ero io. Potete cortesemente pubblicare la smentita che mia nonna è convinta che sarò il nuovo Amadeus e non mi dorme più la notte?”. E, ancora: “Mi sono appena svegliato e sono su tutti i giornali. Ma che roba assurda è? Sembravo io, davvero… Quel Pir… di Fiorello ha fatto finta che io fossi al telefono, ma era un tipo che parla come me. In più l’ad di Rai ha fatto finta di stare al gioco, ma come è possibile?”.
Fedez ha anche pubblicato un audio di Fiorello in cui lo prende in giro per lo scherzo.
Dato a Fiorello ciò che è di Fiore, Fedez alla direzione artistica e Chiara Ferragni alla conduzione, al Festival di Sanremo non farebbero male però, no?

Stefano Mauri 

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie