Bar SportNotizie flashsocietà

Indagini in casa Juve: ma esiste il “Libro Nero di Paratici?” E cosa c’è scritto?

È vero che John Elkann prima di prendere decisioni attenere l’evolversi della vicenda?

(continua dopo la pubblicità)

Sostiene e ha scritto, il giornalista molto informato sui fatti Massimiliano Neirozzi, esperto di questioni calcistiche della Juve per il Corriere della Sera, che durante la prima perquisizione, il 26 novembre di un anno fa nella sede bianconera al centro di indagini, ecco tra documenti contabili, atti e contratti saltò fuori “Il libro nero di F. Paratici”: così c’era appuntato su un quaderno, trovato dalla guardia di finanza nell’ufficio del direttore sportivo della Juve Federico Cherubini.

Lui che di Paratici, all’epoca capo dell’area tecnica, era collaboratore da quasi dieci anni. Insomma pare la trama di un legal thriller di John Grisham, no? Come il resto del materiale cartaceo, il libretto in oggetto era stato sequestrato e analizzato dai militari del nucleo di polizia economico finanziaria di Torino, che stanno indagando sui conti della Juve.

 

Secondo gli investigatori, si tratta di una serie di appunti sui “rilievi fatti alla gestione Paratici”. Essendo osservazioni attribuite a un dirigente della società, Cherubini appunto, va da sé che per gli inquirenti si tratta di un indizio non secondario, nell’ambito delle ipotesi formulate dal procuratore aggiunto Marco Gianoglio e dai pubblici ministeri Mario Bendoni e Ciro Santoriello.

juve

 I magistrati che, la scorsa settimana, hanno firmato e notificato l’avviso di fine indagini nei confronti del presidente Andrea Agnelli, dell’ad Maurizio Arrivabene e di altri ex amministratori, dirigenti e sindaci del club, chiamato in causa in qualità di responsabile amministrativo: per le accuse, a vario titolo, di false comunicazioni sociali, false informazioni al mercato, ostacolo agli organi di vigilanza e utilizzo di false fatture per operazioni inesistenti.

Tra i “rilievi” annotati nel quaderno ce n’è uno in particolare che aveva attirato l’attenzione degli inquirenti, pure perché scritto a caratteri maiuscoli: “Eccessivo ricorso a plusvalenze artificiali”. Letti invece con gli occhi di Cherubini, si suppone, quegli appunti non erano altro che valutazioni messe giù in vista di una riunione tecnica, per confrontarsi con quello che, a quei tempi, era il suo diretto superiore.

Insomma: esiste il “Libro Nero di Paratici?” E cosa c’è scritto sulle sue pagine? È vero che John Elkann, “patron” della Vecchia Signora, prima di prendere decisioni strategiche attende eventuali sviluppi nelle indagini? Lo scopriremo vivendo…

Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie