Bar SportNotizie flashsocietà

Allegri deve vincere, ma la società poi ha apprezzato certe sue uscite?

Da Torino arriverebbero sussurri di maretta tra tecnico, dirigenti e calciatori

(continua dopo la pubblicità)

 

Ma è vero come si mormora e sussurra che i dirigenti della Juventus, ecco sono rimasti  stupiti per l’intervista rilasciata da Massimiliano Allegri a Mario Sconcerti sul Corriere della Sera di sabato scorso. Così sembrerebbe e filtrerebbe dal club bianconero, secondo La Gazzetta dello Sport: la società, assicura la rosea, non era a conoscenza della chiacchierata e ne avrebbe fatto volentieri a meno in un momento così.

Multa in vista? All’interno del club, dove non tutti appartengono al partito degli “allegriani”, c’è chi non avrebbe apprezzato tempistiche e parole usate dal tecnico e per il quotidiano non sarebbe da escludere una multa nei confronti di Allegri. Anche tra i giocatori, chiosa la rosea, vi sarebbe chi – da Locatelli a Paredes – sarebbe rimasto sorpreso da alcuni riferimenti diretti a errori individuali, specie in un momento nel quale non tutta la squadra riesce a capire cosa il proprio allenatore chiede ai calciatori.

Cosa fare per uscire dal guado? Vincere e tornare a vivere. Una situazione di normalità. Tra le altre cose, a quanto pare, il vicepresidente Nedved (lui ed Allegri non viaggiano in sintonia), avrebbe messo sotto la lente d’ingrandimento le metodologie di lavoro dei preparatori atletici di Allegri…

 

Stefano Mauri 

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie