Bar SportNotizie flashsocietà

Maurizio Arrivabene : “Bremer? La questione non era soffiarlo all’Inter”

Chiaro, diretto e comunicativo a modo suo, il dirigente è un vero juventino

(continua dopo la pubblicità)

Ha un modo di comunicare chiaro, diretto e tutto suo Maurizio Arrivabene, grande lavoratore (dote tipica dei bresciani come lui), juventino vero, addetto ai conti della Juventus, in buoni rapporti tanto con John Elkann, quanto con Andrea Agnelli.

Sa il fatto suo Arrivabene e conosce lo sport. Ah … quando parla non è mai banale. E sa pure bluffare, l’amministratore delegato della Juve, colui il quale, con Nedved, Cherubini e Calvo ha il compito di rilanciare le quote bianconere…

“Spesso mi si confonde con il direttore sportivo, ma chiariamo che non sono un direttore sportivo e nemmeno penso di avere le competenze per farlo, quello è Federico Cherubini – spiega a Tuttosport – Io faccio l’Ad, il calcio è un sistema molto complesso. Sono sincero: pensavo che fosse più semplice da fuori, anche perché a differenza dall’ultimo lavoro che ho fatto (alla Ferrari, ndr), in definitiva ho a che fare con esseri umani, ‘macchine’ infidamente più complesse di un motore”.

Così parlò coi media tempo fa il bravo Arrivabene, il quale, il penultimo giovedì di un caldissimo mese di luglio, a Milano, dopo l’assemblea di Lega invece ha detto quanto segue ai numerosi giornalisti presenti: “C’è soddisfazione per aver soffiato Bremer all’Inter, anche per i tifosi? Non è una questione di soffiare. il mercato è aperto e una società fa quello che deve fare. Lavorate per riportare Morata ad Allegri? No, nessuna novità”.

Sottotraccia comunque, gli addetti al mercato juventino lavorano per riportare Morata a Torino, ma a costi ragionevoli.  Nel mirino pure un centrocampista, un laterale difensivo e, se partiranno Rugani e Kean un difensore è una punta. Rabiot, Ramsey e Arthur sono in uscita.

Stefano Mauri

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie