MusicaNotizie flashsocietàSpettacolo

I Maneskin infiammano il Coachella Festival. E Damiano attacca Putin

(continua dopo la pubblicità)

Indio, contea di Riverside, California, si’… decisamente il Coachella Festival non ha deluso e i Maneskin hanno colto al volo l’occasione per dare un’altra scossa alla loro corsa travolgente in giro per il mondo. Il leader della band italiana ha attaccato Putin durante l’esibizione: “Free Ukraine, Fuck Putin”

maneskin

La band romana dei Maneskin, formata da Damiano David, Victoria De Angelis, Ethan Torchio e Thomas Raggi si è esibita per quarantacinque minuti, quando ormai in Italia era mattina presto, nella serata conclusiva della tre giorni di musica, tornata a riempire il deserto californiano dopo due anni di lockdown per la pandemia.

I Maneskin hanno suonato i loro brani più celebri, compreso “I Wanna Be Your Dog”, “I Wanna Be Your Slave”, “Mammamia” e “Gasoline”, tributo alle vittime della guerra in Ucraina.

Durante il brano, sul maxischermo alle spalle della band, è apparso brevemente il volto di Putin. Poi, il messaggio finale urlato dal cantante: “Free Ukraine, Fuck Putin”. Damiano aveva un negligé di pizzo rosa trasparente a balze, che poi si è tolto durante il concerto (“pensavo facesse più fresco” ha detto, rivolto al pubblico).

maneskin

Poi, poco prima di “Beggin'” è rimasto in outfit tipo bondage, con microshorts in pelle nera e bretelle borchiate, e ha rivolto un invito ai fans in perfetto inglese: “Se vedete una ragazza con le cosce più belle delle mie, fatemelo sapere”.

Damiano ha chiesto se ci fossero italiani, e al boato del pubblico ha risposto: “Bene, sappiate che proveranno a saltare la fila”. Risate, urla. Poi tanta musica al Coachella, la kermesse musicale più cool del mondo.

Stefano Mauri

 

(continua dopo la pubblicità)

 

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie