MusicaNotizie flashsocietàSpettacolo

I Maneskin infiammano il Coachella Festival. E Damiano attacca Putin

(continua dopo la pubblicità)

Indio, contea di Riverside, California, si’… decisamente il Coachella Festival non ha deluso e i Maneskin hanno colto al volo l’occasione per dare un’altra scossa alla loro corsa travolgente in giro per il mondo. Il leader della band italiana ha attaccato Putin durante l’esibizione: “Free Ukraine, Fuck Putin”

maneskin

La band romana dei Maneskin, formata da Damiano David, Victoria De Angelis, Ethan Torchio e Thomas Raggi si è esibita per quarantacinque minuti, quando ormai in Italia era mattina presto, nella serata conclusiva della tre giorni di musica, tornata a riempire il deserto californiano dopo due anni di lockdown per la pandemia.

I Maneskin hanno suonato i loro brani più celebri, compreso “I Wanna Be Your Dog”, “I Wanna Be Your Slave”, “Mammamia” e “Gasoline”, tributo alle vittime della guerra in Ucraina.

Durante il brano, sul maxischermo alle spalle della band, è apparso brevemente il volto di Putin. Poi, il messaggio finale urlato dal cantante: “Free Ukraine, Fuck Putin”. Damiano aveva un negligé di pizzo rosa trasparente a balze, che poi si è tolto durante il concerto (“pensavo facesse più fresco” ha detto, rivolto al pubblico).

maneskin

Poi, poco prima di “Beggin'” è rimasto in outfit tipo bondage, con microshorts in pelle nera e bretelle borchiate, e ha rivolto un invito ai fans in perfetto inglese: “Se vedete una ragazza con le cosce più belle delle mie, fatemelo sapere”.

Damiano ha chiesto se ci fossero italiani, e al boato del pubblico ha risposto: “Bene, sappiate che proveranno a saltare la fila”. Risate, urla. Poi tanta musica al Coachella, la kermesse musicale più cool del mondo.

Stefano Mauri

 

(continua dopo la pubblicità)

 

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie