Musicasocietà

Emanuele Mandelli: “Le critiche alla canzone Mille? Ehm un tantino strumentali”

Il musicologo cremasco fa il punto in materia di tormentoni musicali estivi

(continua dopo la pubblicità)

 

 

Giornalista, scrittore (ha scritto, con un godibilissimo stile underground … pop visionario – stralunato, tutto suo, e molto intrigante circa 15 libri), musicologo, cantautore, musicista, sanremologo d’autore, libero pensatore e, soprattutto, bella (tanto schiva quanto appassionatamente intelligente) persona sempre sul pezzo: queste e tante altre cosette è Emanuele Mandelli, cremasco di razza con una visione attenta e vigile sul mondo. E con lui siamo tornati a parlare di musica e … tormentoni estivi.

Insomma sembra di capire che per polemizzare contro una Hit Estiva non si aspettava altro che una canzone di Fedez, no?

Trovo strumentali ed eccessivi gli attacchi a “Mille”, brano tra l’altro vicino a noi cremaschi poiché Davide Simonetta, produttore e co – autore, è appunto di Bagnolo Cremasco, paesino a due minuti da Crema. La Coca Cola è citata e menzionata pure nel pezzo “Cinema” di Francesca Michielin e Samuel, ma in questo caso non si registrano attacchi o segnalazioni del Codacons, non nuovo a diatribe con Fedez e sua moglie Chiara Ferragni. Per non parlare di Cristiano Ronaldo e la bottiglietta da lui spostata in una conferenza stampa all’Europeo di Calcio.

Musicalmente ti piace “Mille”?

Bel pezzo, ben scritto e confezionato per tre big del calibro di Orietta Berti, Achille Lauro e Fedez. Simonetta arriva dal Rock, ma oggi è uno degli autori e compositori Pop più bravi, apprezzati, cercati e ispirati sulla piazza. La sua mano, ormai si sente sempre e comunque.

Hai sentito la Hit co – scritta e prodotta da Dj Cino, vale a dire da Mattia Cerri, altra Eccellenza Musicale autoctona, come Davide Simonetta di Bagnolo Cremasco, da esportazione?

Lo stile, classico Reggaeton estivo non è nelle mie corde, ma “Que tal”, cantata da Boro Boro e da Cara da Crema, ci sta ed è godibilissimo.

Cinque mesi fa, molto prima del Festival di Sanremo 2021 avevi consigliato di seguire con attenzione “Musica Leggerissima”. Ebbene, Colapesce e Dimartino, con questo pezzo straordinario, furoreggiano,qua e là e in radio, dalla scorsa kermesse sanremese…

(continua dopo la pubblicità)

Sono bravissimi i ragazzi e le varie versioni per così dire remix del loro pezzone danno un’aria decisamente estiva a “Musica Leggerissima”. Segnalo inoltre le collaborazioni, in quest’estate 2021 di ripartenza in musica, di Loredena Bertè con Emma, “Senorita” di Boro Boro e Nina Zilli con lo zampino del poc’anzi menzionato Dj Cino, Jovanotti e Gianni Morandi con “L’Allegria” che spacca e Annalisa insieme a Federico Rossi con “Andamento Lento”.Non dimentico la classicissima sinergia J-Ax& Jack La Furia che stavolta ha partorito “Salsa”. Gli echi sanremesi invece ci portano a Madame, fresca di polemica con un fan che le chiedeva un selfie all’ora di pranzo, con la sua Marea e “Tattica” di Fulminacci.

Sono gli artisti italiani i protagonisti assoluti dei tormentoni estivi a questo giro, eccezion fattaper il ritorno dei Cld Play e “We Are The People”, l’inno dell’Europeo 2020, la cui melodia ricorda “Ringo Starr” dei Pinguini tattici Nucleari” di sua maestà Bono, Martin Garrix e The Edge.

Dulcis in fundo, senza i Boomdabash – Baby K (“Moicani”, ndr), Takagi&Ketra più Giusy Ferreri ed Elettra Lamborghini, l’estate non sarebbe stata la stessa cosa, fermo restando che “Mille”, per ora è la Hit più caratterizzante.

I Maneskin dopo Sanremo hanno conquistato l’Eurofestival nel fratetmpo…

E meritatamente, con “I wanna be your slave”, straordinario e meritato record, sono nella Top Ten inglese.

Uno sguardo per chiudere alla musica cremasca…

Detto degli autori e produttori Dj Cino e Simonetta protagonisti assoluti, e di Cara coprotagonista in “Que Tal”, menziono il sempre più inserito Benedetto Alchieri e il ritorno con qualche inedito degli Overdreams.

Quando uscirà il tuo nuovo libro, per così dire … giallo, non giallo ambientato nel Cremasco?

Mah non so, ma vorrei uscisse prima o poi.

Ma quanti libri hai scritto in tutto?

(continua dopo la pubblicità)

Forse una quindicina.

 

Stefano Mauri

 

 

 

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie