Musicasocietà

Mattia Cerri, Dj Cino: “Colore, magia, atmosfera e ritmi travolgenti per quest’estate di ripartenza”

Il Deejay, produttore e autore cremasco protagonista di canzoni cantate da Nina Zilli con Clementino e Boro Boro con Cara

 

 

Mattia Cerri, in arte Dj Cino, compositore, Deejay e produttore di Bagnolo Cremasco (paese Rock vicino a Crema, in provincia di Cremona), Eccellenza Cremasca da esportazione,  nelle vesti appunto di producer e co autore è protagonista di ben due canzoni tipicamente, ma non troppo, estive.

Ha infatti collaborato e interagito con Nina Zilli e Clementino (“Senorita” ) e con Boro Boro e … udite, udite, la giovane artista cremasca Cara (“Que Tal”).

E con lui siamo tornati a scambiare due chiacchiere…

Partiamo da “Senorita”?

In presenza ho lavorato in studio con Nina Zilli, a distanza con Clementino: ragazzo in gamba, umile e straordinario, ma soprattutto artista preparatissimo e … bravo come Nina.

E’ un po’ il momento di voi Dj, per la serie: dalla consolle … allo studio di registrazione per le melodie di quest’estate 2021…

Viene bene il mix tra il mondo della musica sintetizzata da dove provengo, con i ritmi sudamericani stile Reggaeton. In questa particolare, delicata fase storica che stiamo vivendo servono magia, colore e ritmo, quindi ben vengano le contaminazioni musicali. Con Nina e “Clem” ci siamo trovati subito:  lavorare con loro è stata una bellissima esperienza.

E come ti sei trovato con la cremasca Cara e Boro Boro?

Non sapevo che Cara fosse di Crema, l’ho scoperto cammin facendo. Fare musica con questi ragazzi giovani, esplosivi si è  semplicemente rivelato una figata.

Tra atmosfere rap, pop e il tuo background elettronico che canzone è “Que Tal”?

Non è il classico pezzo estivo ed è denso di personalità. Ascoltare per credere.

Cosa bolle nella tua pentola artistica?

Reduce dall’allestimento del mio nuovo quartier generale a Milano e dalla realizzazione delle due canzoni poc’anzi citate in pochissimo tempo, ora mi godrò una breve vacanza. Poi torno a collaborare con Federica Abbate e Bianca Atzei nella realizzazione dei rispettivi album.

Intanto Bagnolo Cremasco, grazie a te e a Davide Simonetta (autore, compositore, produttore) è sempre più l’ombelico del panorama musicale italiano attuale. Merito del vostro ex parroco speciale don Lorenzo Roncali col quale siete cresciuti in oratorio,  dei Tortelli Cremaschi (particolare piatto tipico di Crema e del Cremasco), dell’eco dell’Innominato manzoniano che si mormora sia passato pure da quelle part o semplicemente di voi due che siete appassionati e strepitosi?

E’ un fatto incredibile questo, una cosa eccezionale. Bagnolo è davvero un bel posticino.

 

Stefano Mauri

 

 

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button