Bar Sportsocietà

Allenatori: maggio sarà decisivo per tutti. Ma se la Juve perderà a Udine Pirlo salta ?

Il calciomercato non dorme mai e a questo giro ballano anche tecnici e dirigenti

 

 

Allora, con Gattuso ormai (nonostante l’ottimo finale di campionato) quasi (se si riappacifica con Aurelio De Laurentiis potrebbe restare, ma è dura) ex allenatore del Napoli e destinato (ma occhio alle sorprese e alle ultime novità) a Firenze. Con De Zerbi prossimo a salutare Sassuolo e sospeso tra Shakhtar, Firenze (intriga assai il patron viola Comisso) e la suggestione Milano (Inter e Milan lo seguono). Con Spalletti, Juric e Dionisi nel mirino del Napule e Fonseca con le valige in mano per lasciare a fine campionato la Roma. Dulcis in fundo … con le traballanti panchine di D’Aversa (parma), Pioli (Milan) e Pirlo (ma alla Vecchia Signora di Torino ballano tutti, dirigenti con e senza portafoglio compresi), mai come quest’anno il TotoAllenatori, senza dimenticare il Sarri vicinissimo alla Roma (e in lotta per sganciarsi contrattualmente dalla Juve), il Giampaolo avvicinato dall’Udinese e il Max Allegri (Juventus Bis?) dal rientro imminente, sì, si annuncia elettrizzante.

E per tutti. Antonio Conte (pretende chiarezza e obiettivi prestigiosi dalla proprietà) compreso, il mese di maggio ormai all’orizzonte, vedrete … sarà decisivo. E balleranno, o meglio, potrebbero danzare, insieme ai tecnici, parecchi direttori sportivi.

A Torino però, per quanto riguarda la Juventus, per la serie Clamoroso alla Vecchia Signora, mah … sarà decisiva la prossima trasferta in cartello, domenica prossima a Udine.

In caso di sconfitta con l’Udinese, Andrea Pirlo (è al debutto, non ha colpe solo sue, ma chi paga, in certi casi è soprattutto il mister), salvo colpi di scena verrà esonerato per lasciare posto e panca al suo vice (tra i due i rapporti tattico – tecnici non sono, per dirla alla Vasco Rossi … al massimo) Igor Tudor sino al termine di questa tribolata stagione juventina.

Poi sulle sponde bianconere del fiume Po, John Elkann (massimo referente per la dirigenza bianconera con portafoglio e voce in capitolo) prenderà in mano la situazione e … deciderà linee e orientamenti per i futuri organigramma dirigenziali, orizzonti sportivi e staff tecnici.  Luciano Moggi tuttavia, ex general manager bianconero e grande calciofilo sostiene che … se Pirlo acciuffasse la Champions League e vincesse la Coppa Italia resterebbe al suo posto. Mah! Ah Gattuso non sarebbe il Top per la panca della Juve?

 

Stefano Mauri

 

 

 

 

 

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button