MusicasocietàSpettacolo

I sensi vietati che identificano la veramente Indie Federica Rasicci, cantante fuori dal coro

Un Talent Musicale? Per il momento anche no, ma mai dire mai per quanto riguarda il futuro

 

 

In rotazione radiofonica col suo nuovo singolo “Cocktail”, I Sensi Vietati, vale a dire Federica Rasicci, cantautrice italiana intelligente, sul pezzo e … veramente Indie, beh è una ragazza libera  che vuole fare musica soprattutto per comunicare qualcosa di vero e squarciante.

Il significato del tuo originale e composto nome d’arte?

Un mix tra la sensazione che dà un’emozione bloccata o sbocciata a metà e il mio essere costantemente controcorrente. Sai che a pensarci bene ero incerta se assumere proprio la denominazione  Controcorrente e I Sensi Vietati. Ho scelto la seconda opzione.

Sei pure cantautrice?

Sì e suono la chitarra e altri strumenti a corde da autodidatta.

Cosa rappresenta la tua canzone “Coctkail”?

Il mio punto di svolta con suoni più elettronici, vari e potenti.

Il tuo essere fondamentalmente Indie, cavalcando schemi liberi tuoi, ecco non complica forse il tuo percorso artistico?

L’importante è continuare a fare arrivare il mio messaggio in musica.

Parteciperesti a un Talent Musicale?

Ora no, non voglio omologarmi musicalmente, ho un percorso da seguire.  Ma non ho nulla contro questi programmi, quindi mai dire mai in merito a una mia partecipazione a un eventuale Talent in futuro.

Seguirai il prossimo Festival di Sanremo?

Assolutamente sì ed è un bene che lo spettacolo sanremese non si fermi: per il mondo musicale e per tutti.

Chi seguirai maggiormente tra gli artisti in gara?

Fulminacci che mi ha spiazzato presentandosi in gara, Orietta Berti, i Coma_Cose e i Maneskin.

Cosa bolle nella tua pentola artistica?

Sto lavorando a un album, ma vorrei farlo uscire appena l’emergenza sanitaria da Covdi 19 concederà tregua.

 

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button