Bar SportFocussocietà

Mister Gattuso: il presidente De Laurentiis non la merita, ma lei non si dimetta

E' rottura tra il proprietario del Napule e il bravo Rino Gattuso. Sarri contattato

 

 

Sostiene il giornalista, molto informato sui fatti, Alfredo Pedullà che … nei giorni scorsi, il presidente del Napoli ha contattato mister Maurizio Sarri per proporgli di tornare a fare calcio all’ombra del Vesuvio. Ma Sarri, ancora indispettito per essere stato licenziato dalla Juve lo scorso Ferragosto, per il momento ha rifiutato la clamorosa proposta.

Intanto, con un Tweet, De Laurentiis ha smentito di voler licenziare il direttore sportivo Giuntoli, ma non ha detto nulla in merito al suo attuale tecnico.

Gattuso, dopo il vittorioso match di domenica scorsa col Verona, dicendo di sentirsi deluso dal comportamento della società si è tolto un macigno dalla scarpa, ma calcisticamente parlando, il bravissimo Rino, alla corte del Napule, dove non sta facendo malissimo, non si trova più a suo agio. E per colpe altrui.

Già la colpa è proprio del patron il quale, prima di aver ricevuto il no da Sarri (il trainer toscocampano  avrebbe rifiutato pure il Marsiglia, in attesa di proposte da Firenze e Roma), aveva telefonato a Benitez, ricevendo, tra le altre cose, la disponibilità di Mazzarri a subentrare qualora la panchina di Ringhio Gattuso dovesse saltare.

Ma Gattuso, per la cronaca uno dei pochi calciofili che dice sempre ciò che pensa, lui che dal Milan se ne era andato per disperazione deluso, no … non deve mollare, anche se il presidentissimo e pochi altri, non meritano la sua meravigliosa professionalità. Restare a fare football nel golfo partenopeo, farsi cacciare o allontanare a fine campionato, per il bravissimo Rino Gattuso rappresenterebbe nei confronti del proprio datore di lavoro (il produttore cinematografico è bravo a costruire, ma come successo con Ancelotti tende a stancarsi presto di certe alchimie con determinati tecnici) la giusta vendetta, poiché Ringhio è tanto capace, quanto trasparente e … sì, sarebbe stato (ormai De Laurentiis vuole altro, sospeso tra passato e Juric o De Zerbi) il condottiero tattico giusto per la truppa azzurra.

Ma il capo ha deciso diversamente. Resista (però) caro Ringhio.

 

Stefano Mauri

 

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button