Bar Sportsocietà

L’Inter è forte su Chiesa e Tonali. La Juve pensa a Verratti, Jorginho e Pellegrini

Questione di ore e ripartirà il calcio giocato, ma è già tempo di calciomercato

L’Inter è praticamente a un passo dal chiudere due trattative importanti, ma procediamo con ordine, che la carne al fuoco è parecchia.

Con Lautaro promessosi, feeling ricambiato, al Barcellona arriveranno tanti, parecchi euro sulle sponde nerazzurre dei Navigli Meneghini, denaro da destinare all’ulteriore puntellamento della rosa, già valida, guidata da mister Antonio Conte.

Così Marotta e Ausilio sono pronti a chiudere gli ingaggi del centrocampista Tonali (Brescia), della seconda punta Chiesa (Fiorentina), dell’attaccante Cavani e del difensore Kumbulla (Verona). Sensi? La riconferma in nerazzurro è probabile, ma non sicura: Roma, Fiorentina e Milan, osservatrici attente, seguono questo scenario con estrema attenzione.

Ah … Marotta ha pure provato, offrendo Nainggolan (il belga pare diretto alla Fiorentina con conguaglio per arrivare proprio a Chiesa), beh a riprendere, dalla Roma, Zaniolo, ma il fortissimo joly offensivo giallorosso, seguitissimo anche dalla Juventus, probabilmente rimarrà ancora una stagione sulle sponde giallorosse del Tevere.

Le future mosse della Juve, storica rivale dell’Internazionale di Suning? Fabio Paratici è vicinissimo ad Emerson Palmieri e Jorginho del Chelsea, segue costantemente Milik (Napoli), Martial (United) e Boga (Sassuolo), non molla Lorenzo Pellegrini (centrocampista della Roma con clausola accessibilissima di 30milioni di Euro) e, col Psg, sogna lo scambio Pjanic per Verratti. Pogba? Il francese gradirebbe tornare a Torino, ma deve ridursi (e di tanto) l’ingaggio. Il bomber Icardi? Al momento rimane una suggestione, salvo colpi di scena, oppure qualora Cr7 scegliesse di trasferirsi proprio a Parigi. Zaniolo? Come detto poc’anzi la Vecchia Signora lo segue da tempo, ma la trattiva si annuncia complicata. Mai dire mai tuttavia.

 

Stefano Mauri

 

 

 

 

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button