Bar Sportsocietà

Che Dea,la Juve pensa a Inzaghi, il Milan a Rangnick e la Fiorentina? E Haaland?

Ma è vero che Sarri ha già finito il suo tempo a Torino? Mah ...

Allora tanto per partire e gradire… Chapeau all’Atalanta, la Dea meravigliosa dell’Europa nel e del Pallone che, pur giocando contro avversari, nella fattispecie il Valencia, non al meglio, beh vincere 4 a 1 una partita in Champions League non è mai frutto del caso. No?

Mister Gasperini, il trainer italiano dalla mentalità più europea, a Bergamo, calcisticamente parlando, anche se (ma questa è un’altra storia) non parla tanto col direttore sportivo, per la cronaca uno dei migliori talent scout sulla piazza, Sartori, sì sta facendo faville e ha trasformato Ilicic in uno dei migliori jolly offensivi al mondo. Congratulazioni al presidentissimo atalantino Percassi, uomo di calcio e manager moderno, d’avanguardia.

A Torino, sulle sponde bianconere del fiume Po, i soliti bene informati sostengono che mister Maurizio Sarri, indipendentemente da come finirà la stagione juventina sia ormai convinto di fare le valigie a giugno. Chi arriverà al suo posto?

Mah … il plenipotenziario, Nedved permettendo, delle cose tecniche juventine Paratici avrebbe già pronto un bel contratto triennale per il suo pupillo, amico e concittadino (entrambi sono piacentini) Simone Inzaghi.

Il Milan invece sarebbe sul punto di affidare le sue sorti tecniche al coach manager tedesco Rangnick, il quale arriverebbe pure per fare mercato.

Ohibò e … se alla fine della fiera Sarri passasse al Milan e Allegri (lo vogliono in tanti, lui studia inglese e lo United) ritornasse alla Vecchia Signora con Inzaghi Simone confermatissimo alla sua Lazio? Solo suggestioni? Boh …

La Fiorentina? Ah … come intriga a Firenze il tecnico toscano Spalletti. A proposito si mormora che l’ex mister dell’Inter sarebbe tornato nel mirino della Roma. Sarà vero?

E chiudiamo con una menzione per l’attaccante, giovane e forte, norvegese Haaland, bomber del Borussia.

Ebbene, il fortissimo centravanti, due mesi fa era praticamente della Juventus, ma quel volpone del suo manager Raiola (più società cambia il suo protetto… più guadagna in commissioni), anche per farlo giocare con continuità, alla fine l’ha convinto ad accasarsi in quel di Dortmund per un periodo d’ulteriore apprendistato verso la definitiva consacrazione.

Stefano Mauri

 

 

 

Due parole su questo sito blank
Tag

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close