Bar SportFocusMediasocietà

Frank de Boer: ma è davvero il mister la causa di tutti i mali dell’Inter?

 

blank

Allora, congelata almeno fino a mercoledì in tarda serata, la posizione di mister Frank de Boer, il management nerazzurro vario, variegato e troppo frastagliato, giovedì o al massimo venerdì mattina, si ritroverà per fare il punto della situazione e decidere chi sarà il nuovo condottiero tattico. Post scriptum: tra l’altro potrebbe restare lo stesso allenatore in carica olandese, del … futuro.

Così, a breve, questione di ore, Javier Zanetti (dirigente pesante ma forse si trova meglio a fare il “puro” ambasciatore), Zhang Jindong (numero uno del gruppo Suning) ed ErickThoir (lui ha deciso l’esonero concordato con Mancini e l’assunzione di de Boer, ndr) si guarderanno in faccia e… ecco, senza perdere ulteriore tempo, insieme a questione puramente tecniche dovrebbero seriamente iniziare a dare una fisionomia moderna, pragmatica, snella ed efficiente al Cda interista.

Sì poiché cosi andare avanti è dura, e soprattutto perché de Boer (uomo sbagliato, arrivato nel momento peggiore, al posto sbagliato?), pur non esente da colpe, beh non è il solo e unico responsabile dell’attuale momentaccio interista.

Pure il direttore sportivo Ausilio, orfano del consulente Mirabelli (sa il fatto suo e al Milan può fare bene) e delle consulenze di Mancini (ormai più manager che tecnico) appare spaesato e dovrebbe essere affiancato, nel ruolo, da interisti carismatici in grado di consigliarlo. Coinvolgendo maggiormente i già presenti Zanetti e il direttore generale Gardini, gente, per esempio, del calibro di Lele Oriali (direttore tecnico), Riccardo Ferri (club manager) e Beppe Baresi (allenatore in seconda del confermato de Boer aspettando l’anno prossimo),male non farebbero, messi nelle condizioni di lavorare, sulle sponde nerazzurre del Naviglio per affrontare questo momentaccio. No?

 

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button