MusicaNotizie flashSocial StarsocietàSpettacolo

A Bra, l’Artico Festival promette scintille anche con Ditonellapiaga, artista sensualmalinconica

Ritorna l'appuntamento più particolare, inclusivo, vario e magico dell'Italia che non si arrende

Ci siamo, dal 26 al 29 giugno al Parco della Zizzola di Bra (Cuneo) si terrà la nuova edizione di Artico Festival (www.articofestival.it), manifestazione che propone una combinazione di esibizioni musicali e spettacoli comici di alta qualità, coinvolgendo talenti già affermati e non, ma sempre eclettici e sorprendenti. Protagonisti delle prime due serate, 26 e 27 giugno, saranno gli stand up comedian Giorgia Fumo e Sandro Cappai, mentre le serate del 28 e del 29 giugno saranno dedicate alla musica, con i live di Vasco Brondi, Ditonellapiaga, Lucio Corsi, ThruCollected e Napoli Segreta.

blank

Artico Festival 2024 è organizzato dall’Associazione Culturale Switch On, in collaborazione con il Comune di Bra, con il contributo della Fondazione CRC nell’ambito del bando POP e il sostegno di Nova Coop, di Ente Turismo Langhe Monferrato Roero e Cambieri.it. L’artwork è a cura di Ortica Studio.

In cima alla collina, da cui sarà possibile ammirare milioni di stelle, i presenti potranno immergersi completamente nell’atmosfera del festival, attraverso l’allestimento site specific progettato dall’Ortica Studio di Milano. Sarà presente, inoltre, un’area distante dal palco per tutti coloro che avranno il desiderio di godersi la musica in uno spazio tranquillo, presso il quale troveranno i banchetti informativi di diverse realtà attive sul territorio: il Progetto ABS, che si occupa di prevenire e informare rispetto al tema delle dipendenze, Non una di meno – Alba, movimento femminista e transfemminista da sempre attivo contro ogni forma di violenza di genere e di disparità, il neonato comitato Casa Pride, la comunità LGBTQIA+ braidese che promuove inclusività e rispetto mediante eventi culturali e supporto sociale e la psicologa Anita Arena, che attraverso colloqui di orientamento promuoverà l’importanza del benessere psicologico. I membri delle varie realtà saranno disponibili nelle serate di venerdì e sabato per dare ascolto e fornire informazioni. Particolare non indifferente: si rinnova anche quest’anno la collaborazione con la Cooperativa Sociale Progetto Emmaus, che ad Artico porterà il vino sociale risultato del progetto 8pari che propone l’inserimento lavorativo di persone fragili all’interno del processo produttivo del vino.

Allora, dopo Sanremo 2022 si è presa una pausa di un anno (consapevole che “per scrivere è necessario tempo”). Ha solo 27 anni, eppure si guarda indietro esprimendo una malinconia disarmante e ammettendo che Flash in fondo rappresenta “il conflitto sulla crescita che sto attraversando”. Lei è Ditonellapiaga e, nonostante tutte queste contraddizioni, riesce comunque a risultare credibile. Forse perché i contrasti, una volta elaborati con la sua  sensibilità, invece di diventare freno si trasformano in spinta. Ebbene, in quel di Artico, la cantautrice sensualmalinconica che incantò all’Ariston duettando con la Rettore, canterà il suo intrigante repertorio in un contesto artistico inclusivo, speciale, coinvolgente che nutre, ristora e cura (bella l’intuizione di mettere a disposizione una psicologa) l’anima. Chapeau!

 

Stefano Mauri

Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie