Bar SportNotizie flashsocietà

La Juve di Allegri poteva fare di più in questa stagione?

Il quarto posto vale la Champions League e resta la finale di Coppa Italia da giocare

(continua dopo la pubblicità)

Dopo la sconfitta in campionato, venerdì scorso col Genoa, così aveva parlato mister Allegri:

“Dybala ha fatto una bella prestazione rispetto alle ultime. Ma non lo si scopre ora, dispiace invece per la sconfitta. Avevamo perso solo con l’Inter nel girone di ritorno, ma il calcio è così. Abbiamo avuto tante occasioni.

C’è stato un momento in cui il Genoa era in difficoltà. Abbiamo sempre cercato di fare un’azione per andare in gol. Avevamo tutti giocatori da contropiede. Le partite non puoi sempre giocarle ai 100 all’ora, devi togliere anche le ultime certezze alla squadra quando non ne ha più.

allegri

Kean sta bene fisicamente. Da esterno ha più spazio per attaccare, spalle alla porta ha più difficoltà. Miretti sta facendo bene, è cresciuto molto e sono contento di quello che sta facendo. Non so se gioca mercoledì, ma anche oggi ha giocato ad un livello tecnico importante. Sa giocare a calcio, spero abbia più possibilità di giocare. Ha la tranquillità che difficilmente un ragazzo della sua età ha. Vlahovic, è stata una delle migliori rispetto alle ultime.

È stato più pulito. Va cercato di più con i centrocampisti. Deve stare più sereno, non può fare sempre gol. È un passaggio che deve fare, non deve abbattersi se non segna. Chi ha vinto la sfida dei tiri in porta? L’ho vinta io perché ho deciso che era l’ultimo quello che contava. Stasera mi è dispiaciuto perdere, andavamo a 72 punti ed eravamo per una sera terzi”.

Il giornalista juventino Marcello Chirico: “Allegri sa allenare Vlahovic?” – GUARDA

Così parlò Massimiliano Allegri trainer bianconero che ha ritrovato, al suo ritorno a Torino l’estate scorsa, una squadra senza un vero regista, non nelle sue corde tattiche, con un centrocampo mal assortito, senza laterali incisivi, senza CR7 è un suo vero sostituto per tutto il girone d’andata.

Poteva fare di più l’allenatore livornese? Forse si, ma poteva andare anche peggio, quindi il quarto posto è un bel risultato e resta sempre la finalissima di Coppa Italia da giocare, mercoledì, a Roma contro l’Inter.

Poi si penserà al futuro.

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie