Home / Brera Dixit / Bank of England taglia i tassi, arriva la recessione

Bank of England taglia i tassi, arriva la recessione

Bank of England taglia i tassi, arriva la recessione. Ai primi passi un circolo vizioso che deprimerà l’economia della Gran Bretagna

 

bank of england

 

La Bank of England, per la prima volta in sette anni, ieri ha tagliato il suo main rate (tasso di riferimento) da un basso 0,50% a un bassissimo 0,25%. Tutti sapevano che l’avrebbe fatto, perché davvero non serviva mangiare pane e volpe tutte le mattine per arrivarci. Egualmente, però, all’annuncio i mercati valutari si sono scatenati, e la sterlina – che si stava in quel momento apprezzando – ha perso rapidamente un po’ meno dell’1,5% sull’euro e sul dollaro.

La Banck of England ha preso anche diverse altre misure per spingere la crescita,. misure che non hanno dato luogo a immediati contraccolpi sui mercati. Perché vi ersa evidenza di un indebolimento dell’economia britannica. In luglio infatti erano uscite cifre e previsioni decisamente fosche, anche se solo ad ottobre ci saranno i dati statistici trimestrali, più significativi. La Banca centrale ha anche ritoccato al ribasso le previsioni per il pil e al rialzo quelle per l’inflazione. Quasi tutti ormai si attendono un’entrata della Gran Bretagna in recessione.

Probabilmente, però, tutto l’establishment politico ed economico sta sottovalutando quello che sta per succedere. C’è come una rimozione di quello che è da tempo il problema nascosto della Gran Bretagna: il suo deficitnella bilancia dei pagamenti correnti. Nei rapporti con l’estero del Paese i conti di beni, servizi, pagamenti dei fattori e trasferimenti unilaterali sono da decenni in costante disavanzo. Ciò vuol dire semplicemente che il Paese utilizza all’interno più risorse di quelle che riesce a produrre.

Per sua fortuna c’è la City di Londra, massimo centro finanziario mondiale, che funziona da spugna per i capitali esteri. Il mondo è pieno di investitori pronto ad acquistare attività in Gran Bretagna. Il conto capitale ha fin qui riequilibrato il deficit corrente senza bisogno di fare ricorso a politiche di stabilizzazione.

Il problema è che i capitali vanno là dove i loro signori e padroni si aspettano una remunerazione. I principali trasferimenti di capitale sono gli acquisti di titoli di Stato, di obbligazioni e di azioni. Ma il fatto è che rendimenti oggi sono tutti a rischio, in primo luogo a causa del deterioramento del cambio della sterlina.

Gli investitori che scrivono i loro bilanci in dollari, euro o yen hanno già subito dal voto sulla Brexit in poi una perdita del 10% almeno sui loro averi denominati in sterline. Adesso se ne profila un’altra, imprecisata nella sua entità ma ormai sicura. In più le cedole calano e gli utili d’impresa sono a rischio per la fase di stanca dell’economia.

Quanto ci vorrà prima che gli investitori esteri mostrino segni di stanchezza? Non molto, temo. Senza notizie di segno opposto, presto chiederanno rendimenti più alti. Se li otterranno, gli investimenti interni arretreranno, perché bisognerà pagare di più i finanziamenti. Se non li avranno, la Gran Bretagna dovrà imboccare la via della stabilizzazione, scoraggiare la domanda interna per riequilibrare i conti con l’estero, In un caso e nell’altro, l’economia entrerà in una recessione che si autoalimenterà.
Paolo Brera

Il veleno degli altri, l’ultimo noir di Paolo Brera – GUARDA

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Leggi anche

Tramonta nelle Borse l’asse Londra-Francoforte

Non ci voleva molto a predire che la fusione “fra eguali” tra Deutsche Börse e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi