Bar Sportsocietà

Dybala verso l’Inter? Marco Tardelli: “Marotta e il vuoto mai colmato alla Juventus”

L'ex centrocampista e dirigente bianconero, sulle colonne de La Stampa attacca la Vecchia Signora

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

 

 

Mentre tutto scorre e la Juve, da rifare e rifondare, è fuori dai giochi per la lotta scudetto e rischia di assistere, tra qualche giorno, all’approdo (il giugno prossimo), del suo (discontinuo, ma illuminante) fantasista Dybala (questione affrontata malissimo dal 2019 a oggi) all’Inter (laddove Marotta stravede per lui), Marco Tardelli, ex giocatore (ed ex dirigente) della Juventus, sulle colonne de La Stampa ha analizzato la finale di Supercoppa tra Inter e Juventus, vinta dai nerazzurri per 2-1. Questi alcuni estratti del suo pensiero: “Non è stata certamente spettacolare l’ultima finale di Supercoppa: due squadre diverse sul campo e nella rosa. I nerazzurri coperti e completi in tutti i reparti con un gioco corale ed offensivo quasi perfetto. Determinati, in fiducia e consapevoli della propria forza. I bianconeri invece in confusione, senza idee, con un approccio solo difensivo teso ad arginare gli attacchi avversari basandosi sul contropiede, nella speranza di arrivare ai rigori. Vero è che le assenze si sono fatte sentire, ma tutto questo non può giustificare un tale atteggiamento. Se speri nel colpo del singolo, tutto diventa difficile. La sensazione dall’esterno è che non sappiano cosa fare, che non esista un’idea di gioco ed a volte i giocatori bianconeri si sentano come persi. L’Inter ha strameritato la vittoria e la mano di Simone Inzaghi si è vista eccome. Insomma una squadra, quella nerazzurra, solida in tutti i reparti: difesa, centrocampo ed attacco. Ma soprattutto a livello dirigenziale. Non era facile ricostruire un puzzle subito vincente. Scelte giuste coraggiose e lungimiranti, una capacità straordinaria di girare pagina senza pensarci troppo su. Questa è la differenza con la Juventus, dove negli ultimi anni la confusione la fa da padrona. Chi decide, chi comanda. La partenza di Marotta ha lasciato un vuoto non ancora colmato, forse è arrivato il momento che qualcuno cominci a rifletterci su”.

Così parlò il Tardelli, cuore bianconero denso.

 

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)
Due parole su questo sito blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie