Bar SportFocussocietà

Mister Andrea è Pirlo, non un pirla e ha la fiducia del presidente, per questo osa

La Juventus alla Pirlo è partita bene, ma il difficile e il bello vengono adesso

 

 

Per carità, Andrea Pirlo (di cognome fa Pirlo, non pirla), straordinario ex centrocampista di Brescia, Reggina, Inter, Milan, nazionale italiana e Juventus, in panchina ancora deve dimostrare tutto, ma domenica scorsa, al suo debutto (da Chapeau) vittorioso in campionato con la Sampdoria, si’ ci ha messo, positivamente, parecchio del suo, osando, adottando lo schema 3 – 4 – 1 – 2 (ma non contano gli schemi, ma l’interpretazione) e … atteggiamento e risultato: una bella vittoria per 3 reti a 0 sulla Sampdoria, alla fine, beh l’hanno premiato.

Ci vuole coraggio per escludere, dalla formazione iniziale Bentancur, Arthur e De Sciglio per far debuttare subito McKennie (sembra un Davids con meno foga e più tecnica) e schierare Frabotta (esterno sinistro da seguire) e Kulusevski (prima o poi vincerà il Pallone d’Oro, scommettiamo?), ma Pirlo, taciturno, sicuro di sé e sereno, scelto direttamente da Andrea Agnelli (mister Sarri invece non fu del tutto supportato e accettato dalla proprietà), in cuor suo sa che… in questa Juve può e deve osare.

Dove arriverà il team bianconero allenato da Andrea Pirlo? Mah … sulla carta l’Inter sembra avere qualcosina in più, ma se Fabio Paratici (pure questa sessione di calciomercato per lui, seguito con interesse dalla Roma, non sembra sciolta e semplice, no?) regalerà al coach bresciano un altro attaccante dopo Morata e un laterale destro modernista e di livello europeo e soprattutto … se udite, udite… il Pirlo stesso tornerà ad osare magari lanciando Bernardeschi nel ruolo di laterale sinistro, beh … tutto potrebbe succedere.

 

Stefano Mauri

 

 

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button