Salutesocietà

Provincia di Cremona: i decessi per Covid 19 sono il doppio dei dati ufficiali

Indagine choc del quotidiano La Provincia e dei sindaci del territorio cremonese

Da un monitoraggio risulta che i morti di marzo 2020 rispetto a quelli del 2019 nelle zone tra Cremona, Crema e Casalmaggiore sono cinque volte di più.

 

Il monitoraggio effettuato da InTwig per Cremona, Crema e Casalmaggiore, in sinergia tra istituzioni e il quotidiano La Provincia, ha fatto emergere che in realtà, i morti per Covid-19, nella Bassa sarebbero molti di più i quanto emerso coi dati ufficiali. I morti del mese di marzo 2020, tanto per intenderci, rapportati al marzo 2019 sono ben cinque volte di più. I dati relativi ai contagi? Terrificanti. Ecco di seguito l’articolo choc uscito sul giornale La Provincia di Cremona:

La percezione era già molto evidente e oggi i dati che arrivano dal monitoraggio rivolto ai sindaci effettuato dalla società di analisi InTwig, in collaborazione con il giornale La Provincia, confermano e addirittura scavalcano ogni previsione. I dati e le stime sui tre principali centri della provincia (Cremona, Crema, Casalmaggiore) dicono che la mortalità per Coronavirus è di gran lunga superiore ai numeri ufficiali. Lo stesso risultato, peraltro, era emerso anche nei monitoraggi effettuati in città limitrofe come Brescia e Bergamo che, con Cremona, formano un triangolo micidiale per l’epidemia. E prima di approfondire l’analisi dei decessi, va detto che non meno interessante è il dato sui contagi, sia in termini assoluti che percentuali, con cifre che dicono molto sul fenomeno e che altrettanto possono aiutare a inquadrare la portate della situazione.
Per capire l’andamento dei decessi sono stati presi in considerazione i dati relativi ai morti nelle rispettive città nel marzo 2019 e nel marzo 2020. La differenza in tutte le tre città è evidente: a Cremona quest’anno i decessi sono quasi 5 volte quelli del 2019, con valori assoluti devastanti (335 a 73). A Crema stesse percentuali (139 a 29), a Casalmaggiore 51 a 34. Ma quanti sono i morti per Covid? È questa la domanda cruciale alla quale InTwig ha cercato di dare una risposta. E qui si parte dai dati ufficiali dei decessi per Covid e si fa un piccolo ragionamento logico. A Cremona, ad esempio, i morti Covid ufficiali sono stati 126 al 31 marzo. Alla stessa data in città i decessi sono stati 335, un bel salto. Se la media dei decessi negli ultimi anni in marzo è stata pari a 73, si può ipotizzare che anche quest’anno più o meno lo stesso numero di decessi si sia verificato. Ai 126 malati di Covid si possono sommare dunque i 73 per cause naturali.
Ma per arrivare a 335 ne mancano ancora molti e sono quelli che, con ogni probabilità, sono morti a causa del Coronavirus ma che non sono stati sottoposti a tampone o comunque non conteggiati dalle statistiche ufficiali. Il che porta il totale decessi a Cremona per Covi a 226, più del doppio rispetto al dato ufficiale. Dunque, in sintesi: da un anno all’altro i morti sono quasi quintuplicati e la stima dei morti per Covid è superiore al doppio rispetto al dato ufficiale.
Lo stesso meccanismo si applica anche per Crema, dove lo scarto però è ridotto, e a Casalmaggiore (34 a 17, il doppio preciso). Le spiegazioni? Possono essere diverse, a partire dell’incidenza della casa di riposo fino alla densità di popolazione che può aver favorito la trasmissione del contagio.

 

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button