Bar SportFocusMediaNewssocietà

La Juventus di mister Pirlo? Inespressiva, discontinua assestata così e così. E Dybala?

Dopo partite incoraggianti è arrivato per i bianconeri il brutto pareggio a Benevento

 

 

E’ discontinua la Juventus, inespressiva a tratti (proprio come il suo condottiero tattico) griffata mister Andrea Pirlo, sì … altalenante e priva dell’istinto da killer tipico delle grandi Juve della vincente e avvincente storia della Vecchia Signora d’Italia.

Ah … nella non continuità bianconera ci mette, inevitabilmente, lo zampino il debuttante, in panchina, tecnico bresciano con le sue formazioni sempre diverse, i suoi spunti improvvisi (perché osare sempre con Frabotta?) , la sua inesperienza e il suo continuo tergiversare da un atteggiamento tattico all’altro.

Il pareggio col Benevento (team allenato da Pippo Inzaghi, un altro grandissimo ex calciatore che ci ha messo anni prima di ingranare in panca) dopo due contese incoraggianti? Emblematico, la fotografia di una Juventus, col portiere Szczesny migliore in campo, che andando avanti così potrebbe faticare ad arrivare tra le prime quattro.

E non nascondiamoci dietro soltanto all’inesperto Pirlo (ha i numeri, si farà, ma oggi non è pronto), poiché qualcuno l’ha scelto quale erede di Sarri (altro errore tesserare l’ex trainer del Napule) e soprattutto perché a Pirlo è stata affidata una rosa priva di un regista, con un Chiesa (altro talento da forgiare) di troppo, senza un laterale sinistro (ah come servirebbe uno tra Spinazzola ed Emerson Palmieri) propositivo, con Ramsey, Rabiot e McKennie (dei tre se ne dovevano confermare e prendere due) sul groppone e, fondamentalmente, con Cristiano Ronaldo Totem da far giocare in ogni sfida (ma a Benevento non poteva andare almeno in panchina?) e un Dybala da vendere.

Già, detto che per fortuna è arrivato Morata (terza scelta per la cronaca di Paratici), che fine ha fatto il fantasista argentino un tempo soprannominato Paul il caldo? Mai sbocciato del tutto, Dybala a Torino pare aver aver fatto il suo tempo, no?

 

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button