Bar SportFocusMediasocietà

L’estate thriller dell’Atalanta,il Brescia a Cellino e la Cremonese intrigante

(continua dopo la pubblicità)

 

blank

 

Parliamo un po’, tra serie A e B, di calcio lombardo senza scomodare, almeno per questa volta, le due presunte corazzate (grazie a soldi forestieri) Milan e Inter. Sì, oltre Milano, in quella (o questa fate voi) perla di Padania che è la terra lombarda, ecco Bergamo, Brescia e Cremona, calcisticamente parlando, senza dubbio possono e devono pensare positivo.

In terra orobica, la Dea Nerazzurra, reduce da una stagione positiva e dalla riconquista dell’Europa pallonara, ahinoi ha passato (aspetto strano e misterioso) un’estate thriller complice le cessioni illustri pesanti (e pensanti) dei big Conti e Kessie. E … “voci” provenienti dalla terra bergamasca, compreso il Blog controcorrente bergamonerazzurra, già mettono nel mirino l’allenatore Gasparini e il calciomercato portato avanti dalla società nerazzurra. Che dire o aggiungere? Mah, onestamente l’Atalanta (probabilmente) faticherà non poco a bissare quanto fatto di positivo sino a pochi mesi orsono. Ma gettare la croce addosso al trainer e al management atalantino oggi, quantomeno suona azzardato. Gasparini sa il fatto suo, gode della massima fiducia del presidentissimo Percassi ed è un grande calciofilo appassionato che merita di lavorare. No?

Capitolo Brescia? Il sodalizio che fu del compianto (presidente d’avanguardia e mai del tutto capito) Corioni, recentissimamente è stato rilevato dall’ex presidentissimo del Cagliari Cellino. E l’appassionato Imprenditore Pallonaro ha una voglia matta di riplasmare il Brescia (l’obiettivo è un torneo tranquillo per puntare oltre l’estate prossima) a sua immagine e somiglianza. Scommettiamo?

Cremona? La Cremonese ha cambiato tanto acciuffando tanti giocatori pronti. E in panchina siede un veterano della categoria quale Tesser. Las previsione? La Cremo, iniziando dalla presidenza ambiziosa (il Cavalier Arvedi gradirebbe la serie A) ha tutto per stupire.

Stefano Mauri

 

 

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie