FocusSalutesocietà

Al boom dei contagi non c’è un rialzo della percentuale degli stessi sui tamponi fatti

Il dottor Borghetti, illuminante prova a lanciare una nuova chiave di lettura

 

Maurizio Borghetti, medico radiologo, con un post dei suoi al solito squarciante, beh prova a lanciare, in 5 punti, nuovi scorci squarcianti, in tema di Coronavirus, in questi giorni pesanti e preoccupanti coi contagi che crescono.

1 – Al ‘boom’ dei contagi di oggi (7332) unito al record di tamponi (152mila) non solo non corrisponde un rialzo della % di contagi su tamponi fatti ma addirittura una riduzione. Vedremo se corrisponderà ad una tendenza (speriamo).
2 – Sulla questione ricoveri ho già espresso parere col post di ieri. Sarebbe fondamentale sapere se i ricoverati hanno eseguito Tac, se questa è positiva per polmonite SARS-Co-V2  e in che grado di gravità. Secondo il mio modesto parere questo dovrebbe essere uno dei dati chiave (finora mai considerato da nessuno). 
3 – Le T.I. sono cresciute di 25 a fronte del +62 di ieri 
4 – I decessi restano intorno alla quarantina (e non abbiamo alcun altro dato se non la positività al tampone).
5 –  Anche oggi da queste parti (fino a mezz’ora fa) 0 tac di polmonite Covid.
Usiamo mascherina e manteniamo le note precauzioni. È essenziale per vincere e evitare guai peggiori e altri provvedimenti. Se non infetta … il virus ‘muore’. 
Dai Burdèl che ghe la fèm (anche stavolta)…
Così postò sulla sua pagina Facebook, mercoledì 14 ottobre,  Maurizio Borghetti, DocRock d’Italia…
Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button