Bar SportNotizie flashSocial Starsocietà

Mister Gian Piero Gasperini: “Colmare il divario con l’Inter? Non vendendo e comprando. O fare debiti”

L'Atalanta sfiderà il Real Madrid a Varsavia: ed è sfida pure tra due grandi tecnici italiani

Gian Piero Gasperini ha parlato così in conferenza stampa dopo la sconfitta contro la Fiorentina: “Giocare a Varsavia Real-Atalanta è tanta roba. E la squadra più gloriosa al mondo, avremo un’attenzione mondiale, è chiaro che il quoziente di difficoltà è altissimo, però è talmente straordinario che un po’ già oggi ci pensavamo. È forse il modo migliore per chiudere la stagione e pensare alla prossima. Siamo andati avanti passo dopo passo, sapere che la prossima stagione inizierà con questo appuntamento…sappiamo che quando ripartiremo lo faremo con questa gara straordinaria. Mi sono commosso per i festeggiamenti alla nostra vittoria in Europa League. Spesso si parla del Covid e di chi non ha potuto vivere queste emozioni. Dal bus guardavo sotto, sui balconi, c’era gente strafelice, questo vale più della coppa, non avevamo mai vissuto una partecipazione così, tutte felici, tantissimi giovani e tanti bambini. Questo è un grande successo. Hanno fatto il tifo per noi anche in altre città, questo è stato un altro aspetto straordinario. Colmare il divario con la testa della classifica? Un modo è fare un miliardo di debiti facendo contratti incredibili, oppure non vendendo i giocatori migliori e comprando. La terza è guardando quello che sei con ambizione, con la lucidità di capire come va il mondo”.

Così parlò mister Gian Piero Gasperini il trainer che ha deciso di restare all’Atalanta della famiglia Percassi. E ad agosto sfiderà il Real di mister Carlo Ancelotti.

Stefano Mauri  

Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie