Casazza ReportCultureNewssocietà

L’archivio segreto della CIA: Hitler fuggì. Come nel thriller italiano “Il signor Wolf”

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

 

blank

È di qualche giorno fa la notizia, clamorosa, che, secondo un dossier della CIA, Adolf Hitler, considerato morto suicida assieme ad Eva Braun e al cane Blondi il 30 aprile del 1945, in realtà sarebbe misteriosamente sopravvissuto al crollo del nazismo, tanto che una foto del 1954 lo ritrae vivo e vegeto (ed identico nell’aspetto e nella postura all’iconografia classica) a Tunga, in Colombia, dove risiedeva col nome, anch’esso assai poco contraffatto, di Adolf Schrittelmayor.

In attesa di avere conferma della genuinità dello scatto, su cui molti stanno manifestando dubbi, ricordiamo che l’ identificazione del cadavere del Fuhrer presso il bunker della Cancelleria a Berlino è sempre stata una questione controversa.

A conquistare la capitale tedesca fu l’Armata Rossa che, secondo la versione ufficiale, trovò i resti del dittatore, sommariamente sepolti dopo esser stati bruciati, nel cortile del bunker. Nonostante il servizio segreto russo già nel maggio del 45 avesse confermato, grazie a un confronto dell’arcata dentaria  dello scheletro ritrovato con le radiografie dell’odontotecnico personale di Hitler, che quelle spoglie appartenevano al dittatore,  nel dopoguerra, almeno fino agli anni 60,  furono proprio le autorità sovietiche a diffondere il sospetto, smentito dagli alleati, che il capo del Nazismo fosse stato tratto in salvo dai servizi segreti americani.

(continua dopo la pubblicità)

A chiudere il caso, più che la notizia del destino finale dei resti, sepolti segretamente a Magdeburgo e poi distrutti definitivamente dal servizio segreto russo, è stata la circostanza che del capo del Nazismo non si sia saputo più nulla. Il timore maggiore, infatti era che il fuhrer sopravvivendo potesse svolgere un ruolo politico.

(continua dopo la pubblicità)

Nel suo romanzo  Il signor Wolf  pubblicato da Algama nel 2016, il compianto scrittore e giornalista Enzo Caniatti ha fornito un’ipotesi di fantasia, ma ancorata a precise ricerche storiche, sulla vera sorte di Hiltler.

Tale ipotesi, adesso, sembra trasformarsi in realtà storica.


Il thriller di Enzo Caniatti:

[amazon_link asins=’B01E3K44SQ’ template=’ProductCarousel’ store=’frodelblo-21′ marketplace=’IT’ link_id=’21b7d5a4-bfd3-11e7-9a82-7d90f4783e92′]

Nel libro di Caniatti, un uomo somigliante come una goccia d’acqua al dittatore nazista compare a Genova nel 1946, in attesa di imbarcarsi segretamente per il Sudamerica.

Il presupposto è che costui, alla stessa stregua di altri esponenti del regime hitleriano, abbia potuto dileguarsi attraverso il canale di fuga detto “la dei ratti” o “via dei Monasteri”, un’organizzazione, a cui pare partecipasse la stessa Chiesa,  che forniva appoggio al trasferimento di persone braccate dalla Germania attraverso Le Alpi sino al porto ligure, e di qui oltre l’Atlantico.

Ricordiamo che la presenza in Sudamerica, nel dopoguerra, di gerarchi fascisti sfuggiti alla cattura, è dimostrata. Il caso più conosciuto è quello di Adolf Eichmann, rapito in Argentina dal Mossad nel 1960 e successivamente processato e giustiziato in Israele.

Rino Casazza

 

GLI ULTIMI LIBRI DI RINO CASAZZA:

[amazon_link asins=’B076P13126,B073TQSSH4,B073TYGFG9,B01N9HZBVJ,B01LXCF6MT,B01IARHSU4,B01N0F0I91′ template=’ProductCarousel’ store=’frodelblo-21′ marketplace=’IT’ link_id=’09ab8698-bfd3-11e7-b8b2-af8edecbfe04′]

 

 

 

Due parole su questo sito blank
(continua dopo la pubblicità)

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato un numero imprecisabile di racconti e 15 romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi in cui rivivono come protagonisti, in coppia, alcuni dei grandi detective della letteratura poliziesca. Il più recente è "Sherlock Holmes tra ladri e reverendi", uscito in edicola nella collana “I gialli di Crimen” e in ebook per Algama. In collaborazione con Daniele Cambiaso, ha pubblicato Nora una donna, Eclissi edizioni, 2015, La logica del burattinaio, Edizioni della Goccia, 2016, L’angelo di Caporetto, 2017, uscito in allegato al Giornale nella collana "Romanzi storici", e il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018. Nel settembre 2021, è uscito "Apparizioni pericolose", edizioni Golem. In collaborazione con Fiorella Borin ha pubblicato tre racconti tra il noir e il giallo: Onore al Dio Sobek, Algama 2020, Il cuore della dark lady, 2020, e lo Smembratore dell'Adda, 2021, entrambi per Delos Digital Ne Il serial killer sbagliato, Algama, 2020 ha riproposto, con una soluzione alternativa a quella storica, il caso del "Mostro di Sarzana, mentre nel fantathriller Al tempo del Mostro, Algama 2020, ha raccontato quello del "Mostro di Firenze". A novembre 2020, è uscito, per Algama, il thriller Quelle notti sadiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie