Casazza ReportCultureNews

“Alle spalle del cielo” di Angelo Marenzana: poliziotti si cresce

blank

Coniugare narrativa storica e poliziesca mantenendo in equilibrio i due generi è un’operazione affascinante quanto difficile.

Angelo Marenzana va addirittura oltre, regalandoci un perfetto “giallo di provincia” (non provinciale!) utilizzando il grimaldello di un’indagine criminale per restituirci l’atmosfera della “sua” Alessandria, la meno piemontese delle città piemontesi.

Lo so bene perché ho fatto il militare da quelle parti, a Casale Monferrato, e posso smentire con cognizione di causa il celeberrimo aforisma di Totò ( “sono uomo di mondo: ho fatto due anni di militare a Cuneo!” ) : la palma del capoluogo più cosmopolita della regione spetta ad Alessandria.

Fuor di battuta, l’antica città costruita tra il Tanaro e la Bormida e consacrata al Papa forse più moderno e liberale della storia, da sempre sconta assai meno la tipica riservatezza e chiusura piemontesi per l’ influenza delle vicine Lombardia e, soprattutto Liguria: non va dimenticato che da Alessandria si fa in fretta ad arrivare, valicato l’Appennino, a Genova, il più movimentato porto del Mediterraneo.

“Alle spalle del cielo” è la storia di una duplice resa dei conti.

Innanzitutto, della comunità alessandrina con la guerra.

All’epoca del romanzo, la primavera del 1944, grazie alla posizione geografica Alessandria non ha ancora subito sulla propria pelle gli sconvolgimenti bellici.

Ha naturalmente sofferto le distorsioni del fascismo e la scomoda presenza dell’alleato nazista, nonché pagato un tributo di sangue con la morte dei propri giovani sui fronti del conflitto mondiale, ma è passata dalla monarchia fascista alla Repubblica di Salò trovando un modus vivendi persino accettabile – immortalato dai proverbi vernacolari di cui la scrittura è cosparsa, ispirati ad una saggia rassegnazione all’ ingiustizia della vita – col difficile frangente storico.

Alessandria può pure godere, dati i tempi, di un relativo benessere, visto che li ha sede un fiore all’occhiello dell’industria nazionale, il grande calzaturificio che rifornisce le truppe italiche in combattimento

Insomma, nella primavera di quell’anno comunque horribilis ad Alessandria tutto è come sospeso. Persino, in qualche misura, il tempo metereologico. Si aspetta che irrompa nel tran tran della vita quotidiana, con tutta la sua forza distruttiva (ma anche purificatrice!) la guerra finora relegata ai margini.

Si aspetta un bombardamento, “il ” bombardamento anzi, non solo annunciato ma ineluttabile: più di un personaggio, infatti, sembra agognarlo come il contadino osserva avvicinarsi la spirale di una tromba d’aria sapendo che non potrà sfuggirgli perché così è il destino.

La seconda resa dei conti riguarda il protagonista, Lorenzo Maida, una figura difficile da dimenticare per l’eccellente caratterizzazione.

Maida è un ex poliziotto che non ha mai fatto il poliziotto nel significato comune, e nobile, di tutore della legalità al servizio dei cittadini, ma è stato braccio armato del potere dedicandosi a ricercare ed eliminare fisicamente gli oppositori del regime.

A seguito di un’ancora confusa crisi di coscienza, ha abbandonato il servizio e, grazie alle benemerenze di sicario di stato, ha potuto ritirarsi ancor giovane a vita privata, aprendo una florida bottega di tessuti in centro.

Maida è bello, brillante e sciupafemmine. Sotto la sua apparenza rispettabile ribolle uno spirito violento e determinato, quello che gli ha permesso di eccellere nel lavoro precedente.

Quando il cognato, Commissario di Polizia, gli chiede una mano per veder più chiaro nell’ omicidio di un balordo in riva al Tanaro, Maida, pur recalcitrando, ha subito la sensazione che si tratti di una chiamata.

Il parcheggio in un’agiata vita borghese non ha dissipato il tormento dei ricordi e pian piano, interessandosi al caso, capisce di poter usare il suo vecchio “talento” per affondare, non il bisturi ma un coltellaccio, nel coacervo di interessi disonesti, finanziari e politici, che sta dietro quell’apparentemente ordinario caso di cronaca nera.

Marenzana ci conduce per mano sino alla conclusione con una prosa densa e accurata, che ricorre ad immagini liriche per restituire più vividamente luoghi e stati d’animo.

Rino Casazza

L’ULTIMO THRILLER DI RINO CASAZZA:

[WooZoneProducts asin=”B01N9HZBVJ”][/WooZoneProducts]

ALLE SPALLE DEL CIELO DI ANGELO MARENZANA, SU AMAZON:

[content-egg module=Amazon template=item]

 

LA LOGICA DEL BURATTINAIO E TUTTI I LIBRI DI RINO CASAZZA:

Sherlock Holmes, Padre Brown e il delitto dell’indemoniata

Sherlock Holmes, Dupin e il match del secolo

Gli enigmi di Don Patrizio

La logica del Burattinaio, nella mente del serial killer

Bergamo sottosopra. Un’avventura di Auguste Dupin e Giuseppe Giacosa

Il Fantasma all’Opera. Un’indagine in cinque atti con Auguste Dupin.

Le regole del gioco. Un’avventura di Auguste Dupin.

Bart

Tutto in venti ore

 

Due parole su questo sito blank

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato un numero imprecisabile di racconti e 15 romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi in cui rivivono come protagonisti, in coppia, alcuni dei grandi detective della letteratura poliziesca. Il più recente è "Sherlock Holmes tra ladri e reverendi", uscito in edicola nella collana “I gialli di Crimen” e in ebook per Algama. In collaborazione con Daniele Cambiaso, ha pubblicato Nora una donna, Eclissi edizioni, 2015, La logica del burattinaio, Edizioni della Goccia, 2016, L’angelo di Caporetto, 2017, uscito in allegato al Giornale nella collana "Romanzi storici", e il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018. Nel settembre 2021, è uscito "Apparizioni pericolose", edizioni Golem. In collaborazione con Fiorella Borin ha pubblicato tre racconti tra il noir e il giallo: Onore al Dio Sobek, Algama 2020, Il cuore della dark lady, 2020, e lo Smembratore dell'Adda, 2021, entrambi per Delos Digital Ne Il serial killer sbagliato, Algama, 2020 ha riproposto, con una soluzione alternativa a quella storica, il caso del "Mostro di Sarzana, mentre nel fantathriller Al tempo del Mostro, Algama 2020, ha raccontato quello del "Mostro di Firenze". A novembre 2020, è uscito, per Algama, il thriller Quelle notti sadiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button