noirRacconti

L’ ULTIMO AUTOBUS PER BERGAMO (seconda parte)

La seconda parte del racconto del nostro Rino Casazza per Cronaca Vera, un thriller da non perdere

(Vai alla prima parte)

Sempre più terrorizzata, le propone di scendere insieme a Trezzo, offrendole ospitalità per la notte.

Flavia ribatte che è un’ idea scema, eppoi i suoi non vogliono che pernotti fuori.

Angela insiste, supplicandola di accompagnarla almeno fino a casa, da sola non se la sente proprio.

– Metti che questo qui scenda e mi segua!

– E allora? Vorrà dire che gli piaci… E poi non ho nemmeno l’ombrello, vuoi costringermi a fare il bagno?

-Te ne presterò uno per tornare, ed anche dei vestiti asciutti! Ti prego!

-Ma figuriamoci!

– Allora sai che faccio? Vengo con te fino a Dalmine!

-Non dire cazzate! – prova a ribattere Flavia, ma le ci vuol poco a capire che Angela fa sul serio, e per evitare che si faccia prendere da una crisi isterica le toccherà cedere.

Alla fermata di Trezzo scendono nella pioggia torrenziale proprio mentre un fulmine, con boato assordante, si scarica vicino al cavalcavia.

Prima d’incamminarsi, Angela attende col batticuore che il portello automatico si richiuda.

Dietro i vetri appannati scorge l’uomo dal cappellaccio, in piedi, che scruta nella loro direzione. Resta in quella posizione finché il pullman sparisce nel diluvio.

***

Il conducente dell’ autobus di mezzanotte non crede ai propri occhi. Con quel po’ po’ di tempesta pensava di fare il viaggio a vuoto, invece dopo aver raccolto sotto la pensilina di Trezzo una bruttona – ma brutta davvero! – con un giaccone fradicio e l’ombrello grondante, adesso intravedeva un altro passeggero in attesa alla fermata di Capriate.

Accosta, e sale un tipo ancor più intonato alla notte da tregenda della racchia seduta in fondo al veicolo.

E’ avvolto in un ampio impermeabile col bavero rialzato, e calza un cappello a larghe tese spiovente sulla fronte.

Si si va a sedere a poca distanza dalla ragazza.

“Certo che al mondo ce n’è di gente strana! “, pensa nel ripartire.

(continua su Cronaca Vera)

Rino Casazza

GLI ULTIMI LIBRI DI RINO CASAZZA:

[amazon_link asins=’B01IARHSU4,B01N9HZBVJ,B073TQSSH4,B01LXCF6MT,B01N0F0I91,B073TYGFG9′ template=’ProductCarousel’ store=’frodelblo-21′ marketplace=’IT’ link_id=’3fe1f837-a497-11e7-914f-4fdc7f5c1aef’]

 

Due parole su questo sito blank

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato un numero imprecisabile di racconti e 15 romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi in cui rivivono come protagonisti, in coppia, alcuni dei grandi detective della letteratura poliziesca. Il più recente è "Sherlock Holmes tra ladri e reverendi", uscito in edicola nella collana “I gialli di Crimen” e in ebook per Algama. In collaborazione con Daniele Cambiaso, ha pubblicato Nora una donna, Eclissi edizioni, 2015, La logica del burattinaio, Edizioni della Goccia, 2016, L’angelo di Caporetto, 2017, uscito in allegato al Giornale nella collana "Romanzi storici", e il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018. Nel settembre 2021, è uscito "Apparizioni pericolose", edizioni Golem. In collaborazione con Fiorella Borin ha pubblicato tre racconti tra il noir e il giallo: Onore al Dio Sobek, Algama 2020, Il cuore della dark lady, 2020, e lo Smembratore dell'Adda, 2021, entrambi per Delos Digital Ne Il serial killer sbagliato, Algama, 2020 ha riproposto, con una soluzione alternativa a quella storica, il caso del "Mostro di Sarzana, mentre nel fantathriller Al tempo del Mostro, Algama 2020, ha raccontato quello del "Mostro di Firenze". A novembre 2020, è uscito, per Algama, il thriller Quelle notti sadiche.

Articoli correlati

Back to top button