Bar SportNotizie flashsocietà

Ariedo Braida:”La salvezza della Cremonese? A volte succedono i miracoli “

Ma il destino dell’esperto calciofilo dovrebbe essere lontano da Cremona

L’ex direttore sportivo del Milan, (e del Barcellona), oggi consigliere strategico della Cremonese, Ariedo Braida, ospite nel salotto televisivo di SportItalia e di Michele Criscitiello, ha parlato pure della Cremo. L’impressione? Sulle cremonesi rive del Po, per cause indipendenti dalla sua volontà, mah … quest’anno ha inciso poco. E la sua avventura grigiorossa, praticamente è finita. A Monza, l’amico e collega Adrano Galliani è pronto ad accoglierlo? Lo scopriremo vivendo!

Perché non intitolare lo stadio di Cremona a Gianluca Vialli? – GUARDA

 

La Serie A sorride. La Nazionale un po’ meno…
“Ci sono tanti stranieri, più degli italiani. Mancini ha le sue difficoltà. Però la partita del Milan mi è piaciuta. In generale non bisogna avere paura nell’affrontare le squadre europee, bisogna guardare al futuro con fiducia”.

In campionato per il Napoli è stata un’altra storia.
“Il Napoli ha dominato. In campionato non c’è stata competitività. Ha meritato, dall’inizio fino alla fine”.

E la Cremonese direttore? La salvezza sa di missione complicata.
“Mancano ancora tante partite. C’è un po’ di distacco. Ma nel calcio con i tre punti si possono fare anche i miracoli. Mi piace ricordare la Salernitana che ha fatto un miracolo. Vediamo… proviamo a vedere se lo facciamo.
A Cremona abbiamo fatto sicuramente degli errori, è così quando non hai i risultati. Ora bisogna aspettare la fine e poi vedremo, forse accade un miracolo e ci salviamo. A Monza hanno preso Palladino che è molto bravo. La scelta che è stata fatta dalla società è stata una bella invenzione.

Anche se sarà Serie B, avanti con Ballardini?
“Ha dimostrato di essere un bravissimo allenatore, lo confermano i risultati. Per quanto riguarda il futuro vedremo. Saprà valutare il club”.

Stefano Mauri 

Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie