Casazza ReportDelittiNotizie flashsocietà

Liliana Resinovich: una richiesta di archiviazione e troppi misteri

La Procura ha chiesto l’archiviazione sulla morte di Liliana Resinovich. Il giallista Rino Casazza spiega però tutte le cose che non tornano

liliana resinovich
Da Cronaca Vera

Il pubblico ministero titolare dell’inchiesta sulla morte di Liliana Resinovich, Maddalena Chioggia, con l’avallo del procuratore capo di Trieste, Antonio De Nicolo, ha annunciato di voler chiedere l’archiviazione del caso, spiegandone i motivi in un comunicato stampa che ha suscitato vivaci polemiche.

LILIANA RESINOVICH
Da Cronaca Vera

Liliana Resinovich, il codice segreto con Sterpin e lo sfogo del fratello: “Due autopsie dicono cose diverse” – GUARDA

La questione dovrà approdare nella sede istituzionale, ovvero essere esaminata dal giudice delle indagini preliminari, chiamato ad accoglierla o respingerla ascoltando anche la “campana” dei  parenti di Liliana.

In quel contesto le carte dell’inchiesta, finora coperte dal segreto istruttorio, diverranno pubbliche, permettendo di soppesare gli esiti degli accertamenti compiuti nell’ultimo anno dagli inquirenti, su cui finora sono trapelate notizie non ufficialmente confermate o comunque parziali.

Lo speciale su Liliana Resinovich di Fronte del Blog – GUARDA

Ci riferiamo non solo alle valutazioni medico legali sullo stato del cadavere di Liliana e sulle cause “anatomatopologiche” del decesso, che hanno dato luogo a un acceso dibattito sui media, ma anche a tutte le altre verifiche più squisitamente investigative, ad esempio sulla rete cellulare e su quella, pubblica e privata, di video sorveglianza.

liliana resinovich
Da Cronaca Vera

In attesa di questo fondamentale passaggio è tuttavia possibile fissare i requisiti di una richiesta di archiviazione logicamente e investigativamente irreprensibile. Vediamoli.

Tutti i video su Liliana Resinovich di Fronte del Blog – GUARDA

1. La prova “negativa” nella morte di Liliana Resinovich

Le indagini devono dimostrare che Liliana si è suicidata. La prova “negativa”, ovvero la mancanza di prove che Liliana sia morta per un’azione omicida, da sola non può bastare. Innanzitutto, la mancata evidenza di un omicidio va ritenuta sempre relativa, ovvero riferita  alle conoscenze disponibili in un dato momento.

Liliana Resinovich, primo confronto in tv tra Sebastiano e Claudio. Ecco cos’è successo – VIDEO

Non è infatti possibile escludere che l’assassino sia ricorso a un modus operandi, abilmente dissimulato, ancora sconosciuto. Non sembri un argomento cavilloso, se è vero che si danno addirittura casi in cui si è arrivati alla condanna di un sospetto senza aver mai ritrovato il corpo della vittima e quindi solamente presumendo che la stessa sia morta e non invece, abbia volontariamente fatto perdere le proprie tracce. Inoltre, esistono ipotesi “borderline” tra omicidio e suicidio, rilevanti penalmente, che non possono essere escluse.

blank IL DELITTO DI AVETRANA: Perchè Sabrina Misseri e Cosima Serrano sono innocentiblank

 

Liliana Resinovich e il metodo Sherlock Holmes per risolvere il caso – GUARDA | Speciale Liliana Resinovich

Mi riferisco sia a quella di una istigazione al suicidio che a quella di un “aiuto”  allo stesso da parte di terzi. A tal riguardo, sottolineo come Liliana non solo non abbia lasciato alcun messaggio di addio alla vita ma mancano anche, a detta di tutti quelli che la conoscevano, segnali o motivi che avrebbe potuto togliersi la vita. Questo, naturalmente, è riferito al periodo precedente alla sparizione di Liliana nel mese di dicembre del 2021.

Il grande abbaglio, controinchiesta sulla strage di Erba (versione aggiornata) – GUARDA

Stando a quando dichiarato alla stampa dalla procura di Trieste nell’annunciare la richiesta di archiviazione, non si sa nulla, invece, di quando accaduto a Liliana nell’intervallo tra la scomparsa e la scoperta del cadavere, nel gennaio del 2022. Tutto fa pensare, o comunque non si può trascurare, che abbia maturato o consolidato il proposito suicida in quel lasso di tempo.

IL DELITTO DI AVETRANA – Perché Sabrina Misseri e Cosima Serrano sono innocenti” – GUARDA

liliana resinovich
Da Cronaca Vera

Poiché è improbabile che fosse isolata dal mondo, o comunque non ne ne siamo certi, è del tutto plausibile che qualcuno abbia avuto parte, e non solo da semplice spettatore, nel percorso della donna verso il suicidio.

Breaking Bad Style: oggetti di culto di una delle serie tv più amate – GUARDA

Poi, deve essere con certezza inequivocabile escluso, come ipotizzato da numerosi commentatori sulla base delle notizie trapelate sulla prima perizia necroscopica, che avrebbe ricondotto, parzialmente o totalmente, il decesso della donna a un evento patologico, ovvero uno “scompenso cardiaco acuto”, che Liliana, colpita da una crisi cardiaca e quindi incapace di opporre resistenza, avrebbe ricevuto  una “spinta” verso la morte da qualcuno che ha infilato i sacchetti di plastica trovati avvolti intorno alla sua testa.

liliana resinovich
Da Cronaca Vera

2. Tutte le persone hanno un alibi?

Le indagini devono dimostrare che tutte le persone in rapporto di intimità o confidenza con Liliana, per le quali sia ipotizzabile un movente per l’omicidio, hanno un alibi che consente di escludere una loro responsabilità nella scomparsa della donna.

(continua dopo la pubblicità)
liliana resinovich
Da Cronaca Vera

Tenuto conto di quanto esposto al punto 1), è inoltre necessario essere ragionevolmente certi che costoro non abbiano avuto relazioni con Liliana nel periodo in cui, prima di essere ritrovata cadavere, ha fatto perdere le proprie tracce.

Rino Casazza 

Guarda gli ultimi libri di Rino CasazzaQUI

 





Quando i lettori comprano attraverso i link Amazon ed altri link di affiliazione presenti sul sito - nei post in cui è presente un prodotto in vendita - Fronte del Blog potrebbe ricevere una commissione, senza però che il prezzo finale per chi acquista subisca alcuna variazione.

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato un numero imprecisabile di racconti e 15 romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi in cui rivivono come protagonisti, in coppia, alcuni dei grandi detective della letteratura poliziesca. Il più recente è "Sherlock Holmes tra ladri e reverendi", uscito in edicola nella collana “I gialli di Crimen” e in ebook per Algama. In collaborazione con Daniele Cambiaso, ha pubblicato Nora una donna, Eclissi edizioni, 2015, La logica del burattinaio, Edizioni della Goccia, 2016, L’angelo di Caporetto, 2017, uscito in allegato al Giornale nella collana "Romanzi storici", e il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018. Nel settembre 2021, è uscito "Apparizioni pericolose", edizioni Golem. In collaborazione con Fiorella Borin ha pubblicato tre racconti tra il noir e il giallo: Onore al Dio Sobek, Algama 2020, Il cuore della dark lady, 2020, e lo Smembratore dell'Adda, 2021, entrambi per Delos Digital Ne Il serial killer sbagliato, Algama, 2020 ha riproposto, con una soluzione alternativa a quella storica, il caso del "Mostro di Sarzana, mentre nel fantathriller Al tempo del Mostro, Algama 2020, ha raccontato quello del "Mostro di Firenze". A novembre 2020, è uscito, per Algama, il thriller Quelle notti sadiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie