Bar SportNotizie flashsocietà

Il quaderno nero contro Fabio Paratici? L’ha scritto Cherubini

La Juve si professa innocente ma la procura sportiva e quella ordinaria indagano

(continua dopo la pubblicità)

Quindi è appurato, come riporta il sito molto informato sui fatti Open: l’appunto che inguaia la Juve nell’inchiesta sulle plusvalenze c’è, ed è un biglietto scritto dal dirigente Federico Cherubini in cui va all’attacco dell’allora direttore sportivo e suo capo Fabio Paratici.

Lo critica perché non rispetta gli orari, fa riunioni in sauna o dal barbiere, annulla gli incontri. Ma soprattutto perché fa “acquisti senza senso”, e “plusvalenze artificiali”. Lo scritto ha raccontato Repubblica, è stato ritrovato dalla Guardia di Finanza durante le perquisizioni in sede a Torino. Su carta intestata della società. Il titolo era “Libro nero FP” (le iniziali di Paratici, ndr). E la procura lo ha trasformato in uno degli elementi d’accusa nei confronti della società. Qualche indiscrezione sui contenuti del quaderno dello scandalo? Eccoli:

“Giudizi e valutazioni cambiano ogni giorno, piano recupero bilancio disastroso, — forma +sostanza. Come siamo arrivati qui? Acquisti senza senso e investimenti fuori portata (Kulusevski??). Accusando anche Paratici della distruzione di una generazione: Kean, Spinazzola, Audero. Insieme ad altri elementi. Come il messaggio di Stefano Bertola, dirigente che si occupava di contabilità, ad Andrea Agnelli: On track ma su una bumpy road. Riduzione stipendi e plusvalenze sono operazioni chiave per la messa in sicurezza. Speriamo nel vaccino per lo stadio ma è difficile”.

juve

Secondo i pm la frase è la conferma che i cartellini gonfiati dei calciatori e gli accordi paralleli per la restituzione degli stipendi a cui avevano rinunciato per il Coronavirus siano stati la strategia per far quadrare i conti.

Intanto anche la Consob accende un faro sui bilanci 2020 e 2021. E parla di carenze e criticità, accertandone la non conformità. Sulla base di 15 scambi sopravvalutati di giocatori. Ovvero operazioni incrociate con altre società. La difesa dei bianconeri punta tutto sulla soggettività: non ci sono prezzi stabiliti per i cartellini dei giocatori. E quindi ognuno è libero di comprarli e venderli al costo che desidera. Ma l’autorità della Borsa non è d’accordo. E usa Transfermarkt per sottolineare che Pjanic e Arthur vengono scambiati con il Barcellona al 40 e 29% oltre il valore dato dal sito. Mentre altri si trovano con sovrapprezzi del 900, del 1600 e del 2500% in più.

Consob parla anche delle manovre sugli stipendi: “Si osserva un modus operandi singolare con la società che firma e fa firmare accordi con i propri dipendenti e poi giudica quegli stessi accordi come irrilevanti”. Mentre la Juventus rimane convinta di aver operato nel rispetto delle leggi.

Stefano Mauri

 

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie