DelittiNotizie flashsocietà

Carol Maltesi, parla il killer che l’ha fatta a pezzi: “Sono una brava persona, contrario alla violenza”

(continua dopo la pubblicità)

Carol Maltesi, il suo assassino Davide Fontana davanti al giudice: “Non volevo farle del male né separarla dal figlio, sono pentito”

Fontana ha tentato la carta del rito abbreviato, che avrebbe portato allo sconto di un terzo della pena, ma gli è andata male: andrà in Corte d’Assise il 24 ottobre. Rischia l’ergastolo

carol maltesi

Carol Maltesi, il killer che l’ha fatta a pezzi, gettandone i resti in una scarpata, si presenta davanti al giudice e dice: “Sono una brava persona, contrario alla violenza”. Ma il pentimento di Davide Fontana non è servito: respinta la richiesta di rito abbreviato, affronterà il dibattimento in Corte d’Assise, dove rischia l’ergastolo.

Il delitto di Carol Maltesi

Davide, bancario e food blogger, era il vicino di casa di Carol, a Rescaldina, cittadina limitrofa a Legnano. Avevano avuto una breve relazione e girato insieme alcuni film per adulti sulla piattaforma Onlyfans.

Carol Maltesi: e se Davide Fontana l’avesse uccisa per soldi? Ecco cosa sta succedendo – GUARDA

L’uomo massacrò la ragazza con un martello, la sgozzò, la fece a pezzi e la congelò per due mesi per poi buttarne i resti in una scarpata a Borno, nel bresciano. Quindi, allestì una clamorosa messinscena: per tutto quel tempo si fece passare per Carol su Whatsapp, rispondendo ai tanti messaggi di amici, parenti e conoscenti.

Messo alle strette confessò. La sua furia sarebbe stata scatenata da una telefonata dell’ex della giovane, intenzionata a tornare a Verona per stare accanto al figlio piccolo.

Carol Maltesi, non fu un gioco erotico finito male: “Ecco perché Davide Fontana la uccise” – GUARDA

davide fontana
Di Davide Fontana ha parlato a Brescia Today l’attrice hard Yasmine Carrera, che con Carol aveva girato alcune scene: «Questo ragazzo la accompagnava sempre. Nell’ambiente lo conoscevamo tutti: sembrava una persona per bene, credevamo che le volesse bene sul serio e che ci tenesse molto a Charlotte. Era il suo fotografo di fiducia, tutte le foto di lei che ci sono sui social le aveva fatte lui. La seguiva ovunque per proteggerla, ma il pericolo era lui. Charlotte era un’ottima. Poco tempo fa aveva portato il suo piccolo a Disneyland con i soldi guadagnati con i film. Era una ragazza solare ed era impossibile non volerle bene: ha avuto una vita difficile, ma ultimamente era felice perché stava raggiungendo tutti i suoi obiettivi e realizzando i suoi sogni»

 

Sono una brava persona

Aveva chiesto il rito abbreviato, che gli avrebbe consentito lo sconto di un terzo della pena. Tuttavia l’abbreviato non è più concesso dalla legge in caso di omicidio aggravato. Così, le sue parole hanno tentato di far breccia sulle “aggravanti” che pesano sulle accuse di omicidio volontario, distruzione e occultamento di cadavere: la crudeltà e la premeditazione:

Carol Maltesi, l’ex moglie di Davide Fontana lo vide dopo il delitto: “Era tranquillo” – GUARDA

«Chiedo scusa a tutti. Sono profondamente pentito di quello che ho fatto, non trovo parole per descrivere il mio dolore e la mia vergogna per me stesso e per quello che ho fatto. Non volevo fare del male a Carol. Adesso non avrei il coraggio di guardare i suoi genitori in faccia. Non mi capacito di quello che ho fatto. Sono sempre stato una brava persona, educata e gentile e contro ogni forma di violenza. Non avevo mai fatto del male a nessuno e non avrei mai voluto fare del male a Carol e non avrei voluto separarla da… (suo figlio ndr)».

Carol Maltesi, così Davide Fontana prese in giro tutti – GUARDA

CAROL MALTESI

E ancora:

«È giusto che io paghi per quello che ho fatto e voglio farlo. Vorrei trovare ogni modo per riparare a quanto fatto e troverò il modo di riuscirci».

Carol Maltesi, lettera del padre all’assassino: “Sei un mostro, ti aspetterò fuori” – GUARDA

CAROL MALTESI

Il movente

Quindi, ha parlato del movente, provando ad escludere la premeditazione:

«Non ho agito per fini economici, non ero geloso ossessionato da Carol. È sempre stata libera di fare ciò che voleva e di frequentare chi voleva. Semplicemente non volevo essere escluso dalla sua vita. È falso che avrei premeditato il delitto. Il “pin” del cellulare me lo ha dato lei fin da subito per motivi lavorativi e pratici. È stata una cosa impulsiva che non ha spiegazione. Mai avrei potuto premeditare ciò che ho fatto, mi dispiace tantissimo».

Come Carol Maltesi: Gretta messa in valigia e sostituita sui social dal killer – GUARDA

carol maltesi

Il processo

Il giudice ha però respinto l’istanza. Davide Fontana andrà a processo in Corte d’Assise a Busto Arsizio il 24 ottobre. Rischia l’ergastolo. Prima udienza il 24 ottobre.

Manuel Montero

L’ultimo libro di Manuel Montero è “Wuhan – virus, esperimenti e traffici oscuri nella città dei misteri”, uscito in allegato a Il Giornale e disponibile in ebook per Algama, QUI

(continua dopo la pubblicità)

Manuel Montero

Manuel Montero scrive da vent’anni per diversi settimanali nazionali. Ha pubblicato nel 2019, per Algama, Fenomeni Paranormali Italiani, in cui ha raccontato storie di cronaca, fatti ed eventi apparentemente incredibili, raccolti in prima persona negli anni sulla Penisola. In allegato a Il Giornale (e in ebook per Algama) sono invece usciti i volumi Telefilm Maledetti, dove l’autore narra la triste fine di alcuni dei più amati protagonisti di telefilm degli anni Settanta e Ottanta. E Wuhan - Virus, esperimenti e traffici oscuri nella città dei misteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie