BusinessNotizie flashsocietà

Davide Caleffi, viticoltore cremonese: “Sono tornato in Slovenia per l’alta richiesta di vini italiani”

E pure dalla Russia, purtroppo ancora in guerra, guardano sempre ai vini italici

(continua dopo la pubblicità)

 

La Cantina Caleffi di Spineda, magica, caratteristica, unica enclave cremonese inserita nella provincia di Mantova? Ripetere giova: sognatori appassionati (che non mettono di sognare, emozionando), imprenditori agricoli illuminati e visionari, Davide ed Emanuele fanno vini (Lambrusco, Malvasia, Ancellotta in purezza e Cabernet Sauvignon), naturali secondo il Metodo Ancestrale, squarcianti in senso positivo, oramai conosciuti e apprezzati in tutto il mondo: Russia (sì avete letto bene) e Cina comprese. Recentemente, le bottiglie cremonesi, a Lubiana, in Slovenia, ecco sono state nuovamente protagoniste di un importante evento dove, a testa alta e ottenendo numerosi consensi, hanno rappresentato il territorio lombardo e l’Italia.

E per capirne di più abbiamo raggiunto al telefono Davide Caleffi.

Quindi sei tornato in terra slovena per la seconda volta in pochissimo tempo?

Esattamente, del resto, te l’avevo detto e lo ripeto: da quelle parti hanno voglia di vini italiani. E così, insieme ad altre cantine italiane, volentieri siamo ritornati in Slovenia per portare la nostra terra.

E’ andata bene la trasferta?

Benissimo, per dirla alla moderna: vasti ed enormi i feedeback raccolti. Le bolle rosse in particolare, nell’accogliente gente slovena, raccolgono consensi da standing ovation. Evviva il Lambrusco. E … non chiedermi come hanno fatto, ma stavolta a Lubiana c’erano pure addetti ai lavori russi, determinati, ma c’era d’aspettarselo alla lunga, a by passare le misure restrittive. Il Made in Italy in Russia va fortissimo, questa maledetta e terribile guerra è una tragedia in tutti i sensi, speriamo finisca al più presto. Le bombe fanno schifo e portano morte, urge il dialogo affinché ritorni la pace.

Intanto, gli aperitivi in vigna a Spineda, beh sono sempre Sold Out?

Esattamente dobbiamo respingere le persone e chiudere le prenotazioni anzitempo purtroppo. E’ incredibile il successo ottenuto da questa proposta.

Pronti a presentare al mercato il vostro atteso, desiderato, sospirato bianco fermo?

Portate ancora un pochino di pazienza e sapremo sorprendervi. Dico soltanto che recentemente il professor Ezio Casali, nostro storico mentore e persona competente è tornato per noi per un assaggio. E l’evoluzione della Malvasia ferma lo ha stupito ulteriormente.

La siccità sta mettendo in ginocchio l’agricoltura italica e la Lombardia a questo giro soffre tantissimo…

Lo dico sottovoce, facendo gli scongiuri: per fortuna e per il momento, le nostre colture stanno resistendo, ma la situazione è drammatica. Il tempo è finito, dobbiamo sederci intorno a un tavolo, riscrivere le regole e ragionare, agire immediatamente in regime di sostenibilità agraria per salvare l’ambiente. Incrocio di nuovo le dita: a oggi pure la grandine, caduta ahimè altrove, ci ha graziato.

E i rapporti con la Cina, ove vi conoscono e apprezzano, come procedono?

Alla grandissima. E i nostri rossi fermi: vale a dire l’Ancellotta in purezza e il Cabernet Sauvignon, all’importantissimo concorso cinese Best Wine, ecco hanno ottenuto due straordinari terzi posti. In termini di visibilità e potenziali sbocchi commerciali, questi piazzamenti lasciano ben sperare.

Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie