Bar SportNotizie flashsocietà

Zaniolo: “Dybala gran giocatore. Io il suo erede? Vedremo”

Pure il calciofilo Petrachi, un vero peccato non abbia un club, lancia il fantasista della Roma

(continua dopo la pubblicità)

Già, mai banale e diretto, amico, tra gli altri di mister Antonio Conte, nella sua intervista a TMW Radio, WebMedia informato e informante sui fatti, il bravissimo calciofilo, talent scout e direttore sportivo (un peccato non abbia ancora un club per cui lavorare) Gianluca Petrachi ha parlato di Nicolò Zaniolo, calciatore talentuoso della Roma e sul mercato: “L’ho avuto, è un ragazzo che a volte viene etichettato in maniera sbagliata. È un bravo ragazzo, che ha valori, princìpi, è giovane e ha avuto i suoi problemi. Ma se gli stai dietro è uno sentimentale. È mancato poi molto anche in Nazionale. Forse si poteva capire di più la sua emotività”.

Già e il buon Zaniolo, nel mirino del Milan e della Juventus, con la Gazzetta dello Sport, o meglio col settimanale Sport Week della Rosea, così ha fotografato, questo delicato e strategico momento per lui: “L’interesse delle grandi squadre mi fa piacere: se pensano a te significa che vali. E questo no, non mi distrae. Se dovessi lasciare la Roma mi mancherebbero tante persone, non solo Abraham. Il paragone con Dybala? Giocatore fantastico, vediamo. La vita è imprevedibile, io mi alleno e aspetto. Il mio idolo Ibrahimovic? Sono contento abbia vinto lo scudetto, ha riportato in alto il Milan. Quando l’ho incrociato quest’anno, non ho avuto il coraggio di avvicinarmi, mi sono vergognato”.

Nota a margine: la Juve ha bisogno di Zaniolo, il Milan di Berardi. E la Vecchia Signora, ai giallorossi, in cambio dell’ex interista (il Deus Ex Machina nerazzurro ancora oggi non si capacita di come, prima del suo arrivo all’Inter, beh lo abbiano lasciato partire in cambio di Naingolann), oltre a un conguaglio in denaro darebbe uno tra Arthur e McKennie.

Stefano Mauri

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie