Panoramasocietà

Le foto dei forni crematori mobili russi? Sono del 2013: camion della nettezza urbana…

(continua dopo la pubblicità)

Sui media viene denunciato l’uso di forni crematori mobili da parte dei russi a Mariupol e circolano alcune foto di mezzi utilizzati

In realtà si tratta di foto tratte da un video del 2013 di un’azienda edilizia che presentava i suoi camion inceneritori per i rifiuti solidi urbani

Il video è stato però presentato il giorno prima dell’invasione in Ucraina, il 23 febbraio, dal Telegraph come tecnologia russa per incenerire i cadaveri. Ed è tornato alla ribalta dopo i dubbi sugli orrori di Bucha

Ecco i due video a confronto

forni crematori mobili

Le foto dei forni crematori mobili dei russi, utili a bruciare i propri cadaveri e celare le proprie perdite, impazzano sulla rete. Si è cominciato a parlare di questi mezzi subito dopo i dubbi sull’eccidio di Bucha. Dubbi, giova ricordarlo, dovuti a fatti ben precisi, sollevati in parte dallo storico inviato di guerra Toni Capuozzo e che vi abbiamo documentato con foto e video. Ecco i principali:

  • Come mai i cadaveri per le strade, nel numero indicato inizialmente di 130, sono stati trovati almeno 48 ore dopo la ritirata dei russi da Bucha? I corpi si trovavano sulla strada Yablonskaya, la principale arteria di un paese esteso su appena dieci chilometri quadrati con circa 30 mila abitanti e sarebbe stato impossibile non vederli subito.
  • Non appena la polizia ucraina entra in città, gira un video per le strade che dura ben sette minuti e si vede un solo cadavere, all’apparenza un militare. Dove sono finiti quelli che verranno scoperti più tardi? – GUARDA
  • Come mai, si chiede Toni Capuozzo, nelle foto satellitari del New York Times che “documentavano” come quei cadaveri fossero sulla strada già dall’11 marzo, non c’era traccia della neve caduta copiosa sulla città? – GUARDA
  • Perché, si chiede ancora Capuozzo, alcuni cadaveri indossavano la fascia bianca al braccio usata dai filorussi? Per quale ragione l’esercito di Mosca avrebbe dovuto uccidere i propri sostenitori? – GUARDA
  • Circola infine un video su Telegram, di un’emittente locale, che mostra soldati ucraini, in un luogo imprecisato, mentre trascinano cadaveri e li piazzano al centro di una carreggiata. Perché? Per metterli a favore di flash e telecamere? Ecco il video:

Dopo questi dubbi su Bucha, sono subito emersi altri orrori a Borodyanka. E si è iniziato a parlare dei forni crematori mobili.

Toni Capuozzo pubblica le foto inspiegabili dei morti a Bucha. Ed ecco il video choc di cadaveri spostati – GUARDA

bucha new york times
Il New York Times e le foto satellitari di Bucha

Forni crematori mobili a Mariupol: “Come Auschwitz”

A denunciarne l’utilizzo c’è anche Vadim Boichenko, sindaco di Mariupol, la città più colpita dalla guerra: «Questa non è più la Cecenia o Aleppo: è la nuova Auschwitz». Lo scrive su Telegram: «A Mariupol i soldati russi hanno allestito crematori mobili per bruciare i corpi degli abitanti uccisi e coprire le tracce dei crimini contro i civili. I russi hanno trasformato Mariupol in un campo di sterminio».

Però questi forni non si trovano. Li stanno cercando con i satelliti e questo un po’ ci inquieta, dato che le immagini di Bucha inquadravano l’11 marzo i cadaveri con assoluta perfezione, ma mancava la neve che quel giorno era copiosa in città.

(continua dopo la pubblicità)

Toni Capuozzo, insultato sui social per i dubbi su Bucha: “Ma troppe cose non tornano” – GUARDA

bucha
I cadaveri sulle strade di Bucha

Il video finto dei forni crematori mobili e la strana previsione

E allora hanno iniziato a circolare alcune immagini, spacciate per quelle dei forni crematori mobili. Sono immagini di un camion apparentemente attrezzato proprio per questa finalità. Sono tratte, e questo è il fatto curioso, da un video del Telegraph del 23 febbraio 2022, il giorno prima dell’invasione. Al quotidiano parlava il segretario alla Difesa britannica Ben Wallace, che si diceva convinto che i russi avessero «preparato» appositamente dei forni crematori per usarli in una prossima invasione ucraina e bruciare i propri cadaveri.

Al video, che allo spettatore pareva un documento militare, Wallace aggiungeva queste frasi: «Se fossi un soldato e sapessi che i miei generali hanno così poca fiducia in me da seguirmi sul campo di battaglia in un crematorio mobile, o se fossi la madre o il padre di un figlio, potenzialmente schierato in una zona di combattimento, e il mio governo pensa che il modo per coprire le perdite fosse un crematorio mobile, sarei profondamente, profondamente preoccupato».

Ecco il video e le frasi di Wallace:

Il video originale

Ma quello mostrato dal Telegraph non era affatto un documento militare. E quei camion non avevano nulla a che fare con l’esercito russo. Il video originale, esattamente lo stesso, è del 2013. E quella era la presentazione di camion inceneritori mobili per i rifiuti solidi urbani dell’azienda edilizia Turmalin. Ecco il video originale:

Qui trovate invece la presentazione degli inceneritori mobili della Turmalin, con le schede tecniche dei camion.

Manuel Montero

L’ultimo libro di Manuel Montero è “Wuhan – virus, esperimenti e traffici oscuri nella città dei misteri”, uscito in allegato a Il Giornale e disponibile in ebook per Algama, QUI

(continua dopo la pubblicità)

***

La guerra in Ucraina: testimonianze, video, podcast, approfondimenti – SPECIALE

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Manuel Montero

Manuel Montero scrive da vent’anni per diversi settimanali nazionali. Ha pubblicato nel 2019, per Algama, Fenomeni Paranormali Italiani, in cui ha raccontato storie di cronaca, fatti ed eventi apparentemente incredibili, raccolti in prima persona negli anni sulla Penisola. In allegato a Il Giornale (e in ebook per Algama) sono invece usciti i volumi Telefilm Maledetti, dove l’autore narra la triste fine di alcuni dei più amati protagonisti di telefilm degli anni Settanta e Ottanta. E Wuhan - Virus, esperimenti e traffici oscuri nella città dei misteri.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie