Bar SportNotizie flashsocietà

Roberto Mancini non si dimette, gli auguri di Gianluca Vialli: “Ti voglio bene”

(continua dopo la pubblicità)

Roberto Mancini pronto a rilanciare un nuovo piano per arrivare da protagonisti al Mondiale 2026

blank

Quindi il commissario tecnico Roberto Mancini resterà al suo posto, sulla panchina azzurra anche e nonostante l’eliminazione dal Mondiale in Qatar.

Ed è giusto così: non  è colpa sua se la Federcalcio non ha fatto le riforme che servirebbero dal 2006 per rifondare il football italico. E che colpa ha Mancini se Jorginho ha sbagliato l’estate scorsa i rigori che sarebbero valsi la Coppa del Mondo? E infine è colpa del Mancio se gli azzurri giocano senza bomber?

blank

Gianluca Vialli: “Spero di vivere il più a lungo possibile. Ma non c’è tempo da perdere” – GUARDA

Prima di passare a un estratto della conferenza stampa di Mancini, sottolineiamo gli auguri, commoventi, toccanti, arrivati al Ct, dal capo delegazione (e amico vero) Gianluca Vialli“Ti voglio più bene adesso che a luglio”.

Gianluca Vialli

Sinisa Mihajlovic: “La malattia è coraggiosa per tornare a sfidare uno come me” – GUARDA

Spazio ora al pensiero del Roberto nazionalpopolare:  “Abbiamo parlato col presidente in questi giorni, siamo allineati su tutto. Fa piacere, poi ne riparleremo nei prossimi giorni: ora pensiamo a questa partita, poi con calma discuteremo sulle cose da migliorare per il futuro. Tutto qui. Il nostro gruppo dovevamo vincerlo almeno con due punti di vantaggio sulla Svizzera.

(continua dopo la pubblicità)

blank

A Basilea la partita doveva finire 3-0, in Bulgaria doveva finire in goleada. La squadra ha sempre giocato: può essere stata più imprecisa ma questo è il calcio, le cose ci sono andate storte. inutile stare a pensare o a cercare scuse. E’ accaduto ciò che è accaduto, dobbiamo accettarlo

Quando ci sono sconfitte si analizza più profondamente il perché, vanno analizzate tante cose… Poi nel calcio queste cose possono sempre accadere: ci sono nazionali importanti che non vincono nulla da 60-70 anni, l’Italia da questo punto di vista è più avanti.

A volte si esagera anche parlando di motivazioni, ma semplicemente esistono momenti che non devono andare in quel modo”.

Stefano Mauri

 

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie