Bar Sportsocietà

Antonio Conte e il “duello” di mercato con Fabio Paratici: “Voleva fare un danno a me”

Intanto il gioiello del Sassuolo Traorè non è più in orbita Juventus e costa caro. Che peccato

(continua dopo la pubblicità)

Antonio Conte, il mercato e Fabio Paratici: ecco cos’è successo tra i due

 

Clamoroso nella capitale economica e calcistica, dell’Inghilterra verrebbe da dire, poiché durante una delle scorse la conferenza stampa col suo Tottenham, mister Antonio Conte ha lasciato capire che, in pratica, beh ingaggiò un duello a distanza con Fabio Paratici, allora direttore sportivo della Juve, per portare (senza riuscirci) all’Inter Dejan Kulusevski, attuale giocatore degli Spurs, appunto già acquistato in passato dall’ex dirigente bianconero.

Ecco cos’ha detto: “Chiesi di lui quando ero all’Inter. Praticamente diedi io un suggerimento a Paratici. Però voleva tagliarmi fuori, non per rinforzare la Juventus, solo per fare un danno a me. Una cosa simile la provò. Invano, nell’estate 2019 provando a prendere Lukaku”.
E a questo punto sorge spontaneo un quesito: ma a Torino, gli addetti ai calciomercato juventino, fino a poco tempo fa facevano mercato soprattutto per indispettire l’ex coach Conte? Mah…

Nuovi protagonisti

Intanto, l’assoluto protagonista delle ultime partite del Sassuolo: il centrocampista Hamed Traorè è oggi una delle stelle della squadra di Dionisi (allenatore da Juve).
Ebbene Traoré nel 2019 fu acquistato dal club neroverde in sinergia proprio con la Juventus. In pratica, il Sassuolo fissò con l’Empoli l’accordo per un prestito biennale con obbligo di riscatto fissato a 16 milioni di euro. Ma in quell’operazione c’era la regia della Juventus che due anni dopo – quindi nell’estate 2021 – avrebbe potuto acquistare Traoré dal Sassuolo 18 milioni di euro, riconoscendo quindi alla società emiliana un premio di valorizzazione.

L’addio di Marotta

Ora però quell’opzione è scaduta e la valutazione del tuttocampista (farebbe comodo a Max Allegri e a tanti altri top trainer) ivoriano è più alta rispetto a quella fissata ormai due anni e mezzo fa. E’ innegabile che dall’autunno 2018 allo scorso inizio estate, l’addio di Marotta (ora Deus ex Machina dell’Inter) non è stato assimilato nella Torino juventina che conta. Ora la musica è cambiata.

Stefano Mauri

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie