societàSpettacolo

Michelle Pfeiffer, la vera storia di un’icona di Hollywood

Le biografie di Cronaca Vera

(continua dopo la pubblicità)

Michelle Pfeiffer, cassiera e poi stenografa, arriva alla recitazione dopo aver vinto un concorso di bellezza. La mamma della provincia di Catanzaro, gli esordi, i successi, la vita privata e i 4 clamorosi ruoli rifiutati per film diventati cult assoluti: ecco la sua vera storia

 

Michelle Pfeiffer

Michelle Pfeiffer, o meglio Michelle Marie Pfeiffer, nasce il 29 aprile 1958 a Santa Ana, in California, seconda di quattro figli di Richard Pfeiffer, un appaltatore di impianti di aria condizionata, e Donna Jean, una casalinga italiana nata Taverna, in provincia di Catanzaro.

Ha un fratello maggiore, Rick, e due sorelle più giovani: Dedee, attrice televisiva e cinematografica, e Lori. Il nonno paterno di Michelle era di origini tedesche e sua nonna paterna aveva antenati inglesi, gallesi, francesi, irlandesi e olandesi, mentre il nonno materno era di origini svizzero-tedesche e sua moglie aveva origini svedesi.

La vera storia di Nicole Kidman – GUARDA

Michelle Pfeiffer
In “Cose nostre- Malavita”, del 2013, De Niro è un ex gangster e per questo lui e la moglie Maggie (Pfeiffer) e i loro figli vivono sotto copertura grazie al programma di protezione dell’FBI. Clicca sulla foto e vai al film

 

Trenta star di Hollywood al loro esordio: sapresti riconoscerle? – GUARDA

La giovane Michelle frequenta la Fountain Valley High School, diplomandosi nel 1976. Lavora come cassiera al supermercato Vons e frequenta il Golden West College.

Lavora per un breve periodo come stenografa e, dopo aver vinto il concorso di bellezza Miss Orange County nel 1978 e classificatasi sesta a Miss California, decide di intraprendere la carriera di attrice.

(continua dopo la pubblicità)

E sono proprio questi concorsi che le aprono le porte delle audizioni per la televisione e il cinema.

Ricordi La casa nella prateria? Ecco la vera storia degli Ingalls, tra fiction e realtà – GUARDA

Michelle Pfeiffer
Michelle in “Scarface”, al fianco di Al Pacino, un film che è stato inserito dall’American Film Institute al decimo posto dei 10 migliori film. Clicca sulla foto e vai al film

Che fine hanno fatto le dive delle telenovelas? – GUARDA

Trionfi ed errori di Michelle Pfeiffer

Nel 1981, Michelle sposa l’attore e regista Peter Horton – dal quale divorzia sette anni dopo – e adotta una bambina, Claudia Rose, prima di risposarsi nel 1993 con il produttore David E. Kelley, con cui avrà un figlio, John Henry.

Nella sua lunga carriera di attrice – ma anche nelle vesti di cantante – conquista numerosi premi: Oscar, Golden Globe, Donatello, Emmy e altri.

«Ho lavorato così duramente per così tanto tempo, anche quando i miei figli erano più piccoli, prima che andassero a scuola».

Michelle Pfeiffer

Il primo a credere in lei è Brian De Palma, che la scrittura per il ruolo della pupa di un boss come Al Pacino, nel superbo “Scarface”.

Nel 1987 si lascia sedurre dal fascino mefistofelico di Jack Nicholson in “Le streghe di Eastwick”, e nell’anno seguente è candidata all’Oscar per l’interpretazione dell’eterea Madame Marie de Tourvel, in “Le relazioni pericolose”.

BOB CRANE, UN DELITTO IRRISOLTO DA “GLI EROI DI HOGAN” – GUARDA

(continua dopo la pubblicità)
blank
Clicca sulla foto e vai al film

Che fine hanno fatto i Jefferson? – GUARDA

Una seconda candidatura all’Oscar arriva nel 1990 – preceduta dalla vittoria ai Golden Globe – per l’interpretazione della cantante Susie Diamond ne “I favolosi Baker”. Nel 1992 Tim Burton le cuce addosso (con il latex) il ruolo della graffiante Catwoman, in “Batman – Il ritorno”.

Gli anni 2000 vedono l’artista sotto la guida di Martin Scorsese, o al fianco di colleghi come Harrison Ford, Robert De Niro e Tommy Lee Jones.

blank
Clicca sulla foto e vai al film

 

Proverbiali i suoi rifiuti di interpretare film che poi si sono rivelati un grande successo, in particolare “Thelma & Louise” (la parte fu poi assegnata a Geena Davis), “Basic Instinct” (ruolo poi attribuito a Sharon Stone), “Il silenzio degli innocenti” (poi affidato 63 anni e non nasconderli a Jodie Foster) e “Pretty Woman” (interpretata da Julia Roberts).

blank
In “Un giorno per caso”, commedia romantica diretta da Michael Hoffman del 1996, Michelle è Melanie Parker, un architetto divorziata da un musicista e madre single, che incontra un giornalista, anch’egli divorziato con prole, interpretato da George Clooney. Clicca sulla foto e vai al film

Tv Nostalgia/ Tutti i segreti del dottor Sloan e di “Detective in corsia” – GUARDA

Sensibile e passionale

Per quanto riguarda la sua personalità, Pfeiffer è pacificatrice per natura e a questo scopo impiega la sua notevole forza interiore. È anche estremamente sensibile, perspicace e – inaspettatamente – un po’ timida, e queste qualità sono sia i suoi punti di forza, sia i suoi punti deboli.

Ama la musica e la poesia, ha occhio per la bellezza e un fine senso dell’equilibrio e del ritmo, ma soprattutto adora la semplicità. «Amo i miei vestiti della linea Armani, ma in casa mi piace la roba comoda, come un paio di jeans e una maglietta sudata», confessa l’attrice.

«Sento meno pressione a vestire in modo giovanile. Ho 63 anni e tutti lo sanno e i jeans sono la mia uniforme, ne ho circa 15 paia».

blank
Clicca sulla foto e vai al film

La vera storia dello Zio Fester, da bimbo prodigio con Chaplin alla famiglia Addams – GUARDA

Michelle è un’amante sensibile e appassionata, e la sua percettività la rende consapevole dei bisogni e dei desideri dei suoi partner, che riesce a soddisfare con una delicatezza quasi magica. «Nelle nostre vite complicate non siamo attrezzati a trovare la gioia, non perché ce ne sia poca nel mondo, ma perché non sappiamo riconoscerla. Capire se stessi, i propri desideri più profondi spesso ci dice che inseguiamo falsi miti. Per questo continuiamo a fare gli stessi errori».

Grazie, adorabile Michelle.

Primo Terzi per Cronaca Vera

(continua dopo la pubblicità)

Cronaca Vera

Dal 1969 in edicola. Costa poco e dice tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie