Bar Sportsocietà

Luciano Moggi ritorna su un argomento, per tanti, tabù: “Avevo firmato per l’Inter”

Il calciofilo, opinionista ed ex dirigente di una Juve vincente ritorna con argomenti a lui cari

(continua dopo la pubblicità)

 

 

“Avevo firmato per l’Inter. Massimo Moratti mi chiese di cedere Moriero. Io riuscii a venderlo al Middlesbrough, poi però Moratti si rimangiò l’accordo che aveva con me rinnovandogli il contratto. E da momento pensai che non ci erano le condizioni per lavorare con i nerazzurri. Ma ho ancora quel contratto ben conservato”.

Così, via Facebook: post squarciante, illuminante, nei giorni scorsi (appunto) postò Luciano Moggi, calciofilo capace, opinionista e, soprattutto, ex vincente, appassionato, bravo, preparato, direttore generale di una bella, unica, irripetibile Juventus che fu.

Ah … è sempre utile, indicativo, prezioso guardare indietro, alle cose che furono poiché “Calciopoli” rappresenta una ferita tuttora aperta, uno spaccato datato (2006), ma che forse andrebbe ripreso e analizzato a mente fredda, con calma.

Moggi ha poi parlato di cose juventine a “Cose di Calcio

,regalando perle di saggezza calcistica a Radio Bianconera, commentando le sensazioni che ha regalato la nuova Juventus, trascinata da Dušan Vlahović. Ecco il Luciano pensiero:La Juve non è cambiata con Vlahović. Ha trovato un uomo che sa stare in area di rigore, però non facciamo castelli in aria per adesso. La Juventus sta lottando per il quarto posto e non è facile. L’Atalanta è quinta in classifica, ma ha una partita in meno e questo potrebbe essere un problema insuperabile da parte della squadra, perché questa non è che con un giocatore si perfeziona. La Juventus si è fortificata con un giocatore: dopodiché, a giugno, diventerà competitiva. Adesso, però, bisogna avere un po’ di pazienza“.

Stefano Mauri

 

 

(continua dopo la pubblicità)
I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie