Bar Sportsocietà

Alvaro Morata alla Mandzukic? Mah… semplicemente è tornato a giocare alla Morata

L'attaccante bianconero, quando giostra e parte dalla sinistra è più leggero e incisivo

(continua dopo la pubblicità)

 

Alvaro Morata, centravanti spagnolo della Juventus, protagonista domenica scorsa di una prestazione di qualità, nel ruolo ‘alla Mandzukic’, contro l’Hellas Verona, ha parlato a JTv dopo il 2-0. “Posso dirmi contento della gara di oggi. abbiamo ritrovato quelle sensazioni e quella carica che ci erano un po’ mancate. Il Mister e la società mi hanno fatto sentire la loro fiducia e credo sia una cosa fondamentale, mi ha fatto molto piacere anche sentire l’affetto dei tifosi. Sono felice per i tre punti, per come abbiamo giocato e per la solidità che abbiamo mostrato oggi. Vlahovic? Sono contento del suo arrivo: è un grandissimo giocatore, sa fare tutto e ci troviamo bene”.

Nota a margine: Morata, durante la sua prima esperienza alla Juve, si era presentato giostrando proprio nel ruolo in cui è … tornato a giostrare lo scorso weekend. Allora l’allenatore era quel Massimiliano Allegri protagonista pure oggi.

Ed è stato proprio il Max da Livorno a bloccare, settimane fa, la cessione di Morata al Barcellona. La palla ora torna alla società, poiché il buon e bravo Alvaro, a Torino è in prestito dall’Atletico Madrid. E il prossimo mese di giugno, il Deus Ex Machina juventino Arrivabene e il direttore sportivo (in totale sintonia con Allegri) Cherubini, per strapparlo dal ritorno in Spagna, beh dovranno sborsare 35milioni di euro.  Ah… magari pure la scorsa stagione Alvaro avrebbe giocato volentieri come contro il Verona, ma da quelle parti, ai tempi si aggirava Cr7!

Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie