Bar Sportsocietà

Maurizio Arrivabene, il manager che non usa tanti giri di parole e l’ottimo Marotta su Dybala

Il calciomercato non dorme mai e la Juventus lavora a due uscite e a tre (forse) entrate

(continua dopo la pubblicità)

 

 

“Dybala? Non commento le reazioni dei giocatori, io esultavo. Ho visto una grande azione di Arthur, l’assist di Kean e il suo gol”. L’amministratore delegato della Juventus Maurizio Arrivabene ha dribblato così, nei giorni scorsi, nelle varie interviste televisive, la mancata esultanza dell’argentino e lo sguardo fisso rivolto alla tribuna dopo il gol all’Udinese lo scorso weekend. “Il rinnovo? Ho detto che ne avremmo parlato a febbraio – ha proseguito a ‘Coppa Italia Live’ su Mediaset il dirigente – Non c’è solo Dybala, ma anche Cuadrado, Perin, Bernardeschi che è un campione europeo e De Sciglio. È giusto parlare di tutti quanti, compreso Dybala”.

Piaccia o no, Arrivabene, l’uomo scelto da John Elkann per avviare il nuovo corso dirigenziale juventino improntato, sulla sostenibilità e sulla riduzione dei costi, fa bene il suo lavoro mettendoci passione, cuore e faccia. E il suo modo di fare, fuori dagli schemi, beh ha il suo perché.

Intanto il summit di ieri, a Londra, fra l’agente Federico Pastorello e l’Arsenal, nonostante la Juventus e mister Allegri non abbiano (ancora) dato il via libera, nonostante il minutaggio in aumento nelle ultime partite e nonostante fra i due club non ci sia ad oggi accordo sulla formula, ha ribadito la volontà del centrocampista di Arthurverso il trasferimento in Gran Bretagna. Intendiamoci, la Juve non è contraria a tale prospetto, ma alle sue condizioni e dopo aver individuato un sostituto all’altezza. Pure Ramsey ha le valigie in mano, lui e Arthur, al netto delle difficoltà potrebbero essere rimpiazzati da Zakaria (lo vogliono in tanti) e Rovella.

Dulcis in fundo, Beppe Marotta, Deus Ex machina nerazzurro e calciofilo coi fiocchi, ha parlato nel pre-partita di Inter-Empoli ai microfoni di Sport Mediaset di Dybala: “Quando un giocatore di quel valore si avvicina alla scadenza, è normale venga avvicinato ai top club. Queste suggestioni sono quindi ricorrenti. È giusto ricordare che noi abbiamo un reparto offensivo di grande valore, sono tutti professionisti che rispondono alle nostre esigenze. Il management deve essere ambizioso nell’andare alla ricerca di giocatori e alzare l’asticella, poi se non viene centrato l’obiettivo non importa, ma i tentativi vanno fatti”.Così parlò Marotta!

Stefano Mauri

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie