Businesssocietà

Gian Regazzetti, Barman e Tatuatore: “Non è sparito il tatuaggio a colori. Discoteche chiuse, ma musica e balli altrove”

Tatuaggi e Discoteche: "Gian", professionista impegnato, mai banale, dice la sua

(continua dopo la pubblicità)

 

 

Sono quindi entrate in vigore le norme dell’Unione Europea che vietano migliaia di sostanze chimiche negli inchiostri colorati dei tatuaggi. Alcuni negozi e centri tatuaggi affermano che così la loro arte perderà gran parte della sua vivacità. La Ue risponde che migliorerà la salute pubblica grazie alle restrizioni più severe sulle sostanze presenti negli inchiostri che possono causare allergie o altre patologie. Lo stallo tra regolamentazione e libertà di espressione artistica ha scatenato un fiume di lamentele e accuse. Titolare di affermati, gettonati, premianti centri per tatuaggi, col cremasco Rock Gian Maria Regazzetti, in arte Gian, patron (tra l’altro è pure capo barman presso la storica discoteca Magika di Bagnolo Cremasco, ndr) del circuito Eleven INK Tattoo, ecco abbiamo scambiato due parole per capire l’aria che tira…

Senti partiamo dalla tua vocazione “Dance”: le discoteche sono ancora chiuse causa la maledetta pandemia che non concede tregua…

Per carità, mi adeguo alle decisioni prese, ma non le condivido. Alla Magika per fare un esempio, tutto era nella norma e tracciato: dagli ingressi, limitati e con Green Pass controllati, alle mascherine, poi all’improvviso, senza preavviso hanno deciso di richiudere le discoteche. Mentre in certi bar e ristoranti, beati loro, perché  non voglio fare la guerra a nessuno, il 31 dicembre si è festeggiato con la musica e… magari ballando un pochino.

E da oggi cosa cambia per il mondo dei tatuaggi?

E’ sbagliato dire che il tatuaggio a colori è sparito, sbagliatissimo. L’Unione Europea ha deciso di abolire le tipologie di coloranti in uso, consentito e lecito, sino allo scorso 4 gennaio. Ora ne utilizzeremo di altri, modificando la nostra arte lavorativa, resta solo da capire come si comporterà il tatuaggio nel tempo. Ma le aziende sono al lavoro da mesi, e appunto i nuovi colori consentiti stanno arrivando e sono o saranno, nel brevissimo tempo, pronti all’utilizzo.

In Inghilterra e negli altri paesi fuori dalla Ue allora non cambierà nulla?

Esattamente, tali provvedimenti riguardano solo l’Europa, ma fatemi ribadire che noi professionisti, poiché il mondo del tatuaggio rappresenta un buon mercato in costante crescita, nel pieno rispetto delle novità sanitarie e delle norme già in essere, siamo prontissimi a tatuare con e senza colori. E sarebbe bello se i mass media spiegassero al meglio il nuovo modo di creare che ci vede e ci vedrà protagonisti. 

Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)
I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie