Bar Sportsocietà

Vlahovic che tutti vogliono, ma che costa assai elogia il suo ex trainer e maestro Prandelli

Chissà, magari prima o poi, con un altro ruolo, Prandelli potrebbe tornare anche nel calcio, no? La Juve cerca un bomber

(continua dopo la pubblicità)

 

Allora, il piano A della Juventus alla disperata ricerca di attaccanti, dato che Morata a quanto pare ha tanta voglia di volare in Spagna per giocare nel Barcellona, ecco ha un nome, ed è quello di Vlahovic. Ma è quasi impossibile che il bomber viola lasci Firenze a gennaio. E comunque è difficilissimo, per la Vecchia Signora trattare coi dirigenti fiorentini. L’alternativa al forte e promettente serbo è Scamacca, il quale però piace assai all’Inter, ergo la Juve sarebbe pronta ad accogliere Icardi o Milik, ma solo in prestito.

Intanto, nel corso dell’intervista rilasciata a politica.rs, Dusan Vlahovic ha parlato di Cesare Prandelli, l’allenatore che lo ha “lanciato” nella Fiorentina: “In lui sono raccolte tutte le migliori virtù umane. Ci sentiamo spesso. Naturalmente, non ci sono parole che possano descrivere la mia gratitudine a questo uomo meraviglioso. Un giorno venne, mi invitò a un incontro e mi disse che avrei avuto una possibilità. Ricordo bene le sue parole di sostegno e che, qualunque cosa fosse accaduto, lui sarebbe stato con me. Non ho segnato nelle prime cinque partite. È stato difficile, perché ci si aspettava sempre il gol dagli attaccanti. Dopo quelle partite mi ha dato ancora più supporto, mi ha messo come primo giocatore ai rigori. A fine dicembre ho segnato un gol al Sassuolo, poi un altro, poi alla Juventus. È così che è iniziato tutto”.

Così parlò Vlahovic che tutti vogliono: dalla Germania, alla Spagna, passando per Inghilterra e Italia.

Ah è un vero peccato che un bravo calciofilo del calibro di Cesare Prandelli abbia lasciato il football, ma l’allenatore bresciano di Orzinuovi, provato e stressato dal sistema, beh ha fatto bene, per il momento a mollare la presa e fermarsi ai box. Chissà però, magari, nel medio periodo, in un altro ruolo, (mah… tipo quello del direttore tecnico), in un club tipo la Cremonese, Prandelli potrebbe pure tornare protagonista, no? Ma questa  è un’altra storia…

Stefano Mauri

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie