Bar Sportsocietà

Lele Adani ritorna a parlare della Juve: “De Ligt via a giugno? Non può certo restare dieci anni a difendere nella sua area”

L'opinionista Rai ed ex calciatore non perde occasione per polemizzare con la Juventus

(continua dopo la pubblicità)

 

 

Alla trasmissione 90° Minuto su Raidue, l’opinionista calcistico Lele Adani, poi ripreso e sintetizzato da Tuttojuve.com è tornato a parlare di stretta attualità calcistica juventina. Ecco i suoi pensieri in sintesi:  “Bicchiere mezzo pieno per Allegri? Sì, bicchiere mezzo pieno perchè la Juventus è in ritardo sotto tanti punti di vista e se dà continuità a questo rapporto tra gol subiti – pochi –  e alza il numero di gol fatti, credo che la Juventus possa e – arrivo a dirti – possa accorciare la distanza con le prime quattro. Però diciamo che la risposta in un campo difficile come Bologna  c’è stata. Raiola mette in dubbio il futuro di de Ligt? De Ligt lo vogliono tutte le squadre del mondo. io capisco la buona prova di ieri e anche le ultime, ma lui non può passare una vita a difendere insieme ad altri 10 giocatori nell’area di rigore, perchè arriva il Barcellona, arriva il Manchester City, arriva il Chelsea, e tutti ti dicono: Da noi si ragiona in modo diverso. Quindi io capisco anche la provocazione di Raiola, il suo procuratore. Permanenza De Ligt legata alla Champions? Ci saranno tante cose legate all’assenza della Champions League, per questo dico che il bicchiere della Juventus è mezzo pieno, poichè bisogna arrivare a lottarsela fino alla fine, ed è ancora in ritardo il team juventino”. 

Così parlò Adani e martedì 21 dicembre, a Torino arriva il Cagliari in caduta libera, ma per evitare passi falsi, serve la miglior Juve. Ah De Ligt ha una clausola altissima attestabile sui 150milioni di euro, tempo fa il Barcellona sembrava interessata parecchio alle sue prestazioni calcistiche”.

 

Stefano Mauri

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie