Casazza ReportDelittisocietà

Yara Gambirasio: la prova del DNA su Massimo Bossetti e i rischi di un errore giudiziario

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

E’ convinzione diffusa che, essendo il DNA di ogni individuo specifico, e differente da quello di qualsiasi altro, il ritrovamento di impronte genetiche di una persona su una scena criminis costituisca un prova sicura della sua colpevolezza. Invece…

 

blank
Il film Yara e Massimo Bossetti

Il film “Yara” e la colpevolezza di Massimo Bossetti: ecco cosa non torna – GUARDA

La condanna all’ergastolo di Massimo Bossetti per l’omicidio della giovane Yara Gambirasio  poggia sulla corrispondenza tra il DNA del condannato e quello,  commisto al DNA della vittima e ad un altro non identificato, rinvenuto sugli abiti della sfortunata ragazza. A tal riguardo, leggi qui la recente intervista concessaci dal legale di Bossetti, Claudio SalvagniTuttavia, il fenomeno conosciuto come “touch DNA“, ha prodotto già numerose sviste investigative e giudiziarie, tanto che, in molti ordinamenti penali stranieri,  le impronte genetiche trovate in una scena criminis da “prova scientifica” di colpevolezza sono state declassate a  indizio da verificare e confermare. Inoltre, la possibilità di errore nell’analizzare “DNA mescolati” sembra essere particolarmente elevata.

blank

La condanna in terzo grado di Massimo Bossetti per l’omicidio di Yara Gambirasio non convince ed è ancora ribaltabile – GUARDA

(continua dopo la pubblicità)

Nella vita di tutti i giorni, senza rendercene conto, viviamo in mezzo alle tracce genetiche. La pelle umana, nell’entrare in contatto con oggetti, o parti del corpo di altre persone, rilascia infinitesimali quantità di Dna. Non è ancora ben chiaro se si tratta  di minuscole “goccioline” di sudore prodotte dalle ghiandole sebacee oppure di cellule che si distaccano dallo strato  più superficiale dell’epidermide.

(continua dopo la pubblicità)

Le tecniche di rilevazione del DNA negli ultimi decenni si sono enormemente raffinate, permettendo di estrarre profili genetici  da tracce piccolissime, cosicché anche quelle di cui parliamo, denominate “touch DNA”, in italiano “DNA da contatto”, sono divenute oggetto delle analisi di polizia scientifica.

blank

Yara Gambirasio: l’errore investigativo americano che potrebbe riaprire il caso – GUARDA

Ci sono tuttavia alcuni seri problemi. Innanzitutto, l’estrema piccolezza di queste tracce, a volte composte solo da qualche cellula, non permette di determinare il tessuto di provenienza: sangue, saliva, sudore, liquidi sessuali o altro. Poi, le impronte genetiche permangono a lungo nel tempo.

Da questo discende che non è  possibile stabilire esattamente:

  • QUANDO siano state impresse (prima, durante o dopo il delitto);
  • COME siano state impresse.

Il secondo aspetto è quello a prima vista più ostico a comprendersi.  Verrebbe spontaneo, infatti, equiparare  il “touch DNA” alle impronte digitali, impresse dalle dita della una mano quando toccano particolari superfici, e incontestabilmente indicative del fatto che colui a cui appartengono si trovava in un determinato luogo.

Non è così. Mentre un’impronta digitale non può essere trasferita da un luogo all’altro, il “touch DNA”  sì. Attraverso un meccanismo semplice: se tocco un oggetto su cui qualcun altro ha rilasciato il suo “touch DNA”, questo può  “appiccicarsi” alle mie dita ( non solo: anche ad altre parti del corpo e dei miei abiti); se poi io mi allontano e tocco (con le mani, altre parti del corpo o gli abiti) un oggetto in un luogo diverso, lo deposito lì. Qualora  venisse fatta una ricerca del DNA risulterà che a frequentarlo siamo stati sia io che l’altro di cui ho trasportato il DNA, mentre quest’ultimo, in realtà,  non ci ha mai messo piede.

Può sembrare che si tratti di un’ipotesi limite, assai difficile in concreto dal verificarsi, invece non è così.

C’è stato un caso, avvenuto nel 2014, di cui ho già parlato in questo post, in cui un uomo era destinato a finire sulla sedia elettrica perché sul luogo di un brutale omicidio avevano rinvenuto tracce del suo DNA. Per sua fortuna costui, un barbone alcolista, mentre l’omicidio veniva commesso era in stato di coma etilico in ospedale, cosicché si è dovuto ricercare un altro motivo, poi trovato, per la presenza, apparentemente inspiegabile, delle sue impronte genetiche sulla scena criminis.

blank
Il barbone Lukis Anderson e la sua presunta vittima Raveesh Kumra

La condanna di Massimo Bossetti per l’omicidio di Yara: la logica e la giustizia – GUARDA

Esiste un caso, risalente al 1997, in cui il ritrovamento di un DNA sul cadavere della vittima di un omicidio ( precisamente sotto le unghie) ha dato vita a una vicenda che sembra tratta da un racconto dell’orrore soprannaturale : l’ omicida, graffiato dalla vittima prima di soccombere, risultava certamente morto quando lo aveva commesso. Il delitto di uno zombie, insomma. Non era così, ma si è dovuto faticare per comprendere cosa era successo realmente.

Molti conoscono il caso dell’uccisione di Meredith Kercher. L ‘italiano Raffaele Sollecito e la statunitense Amanda Knox, fidanzati ed amici della vittima, sono stati condannati due volte in secondo grado, prima dell’assoluzione definitiva in Cassazione, sulla base di alcune tracce genetiche, a loro attribuite, ritrovate (DNA di Amanda) sulla lama di un coltello riposto in un cassetto in casa di Raffaele, ritenuto l’arma del delitto , e (DNA di Salvatore) sul gancio del reggiseno della vittima.

blank
I protagonisti del giallo della morte di Meredith Kercher

I grandi gialli che hanno diviso l’Italia: 40 anni di inesorabili condanne. Tutte giuste? – GUARDA

Dopo lunga diatriba, si è concluso che quelle due piccole tracce non erano affidabili al fine di dimostrare la colpevolezza dei due giovani imputati, per due ragioni.

  1. l’ impronta di Meredith sul coltello di Amanda  poteva tranquillamente essere touch DNA dell’imputata, visto che, in quanto sua fidanzata, frequentava regolarmente la casa di Raffaele;
  2. l’impronta di Sollecito sul gancio del reggiseno di Meredith risultava essere stata prelevata e conservata dagli agenti intervenuti sulla scena del delitto con modalità  che non rispettavano i protocolli di repertazione. Pertanto non c’era garanzia che non avesse subito alterazioni o addirittura , visto che non si sapeva esattamente dove, come e da chi  l’oggetto era stato custodito prima di essere analizzato, una contaminazione indiretta.

Poiché è del tutto normale che oggetti e superfici siano toccati da più persone, spesso il “touch DNA”  non viene rinvenuto  isolato e distinto, ma mescolato ad altri DNA.  Questa particolarità può  riguardare non solo il “touch DNA”, ma il DNA in generale, una circostanza frequente nei delitti per aggressione, laddove DNA di origine “non  touch” ( ad esempio sangue) appartenente al criminale può mescolarsi a fluidi corporei della vittima (ad esempio ancora sangue). La situazione tende oggi a complicarsi poiché le sofisticate metodologie di analisi sono in grado di rilevare pluricontaminazioni di DNA, touch e non touch, perfettamente possibili in natura.

Non si tratta di casi di scuola. Ciò si è verificato non solo nel caso dell’omicidio di Yara Gambirasio,  su cui torneremo, ma anche, per esempio, in quello, ancor più famoso, di Simonetta Cesaroni, avvenuto nel 1990 in via Poma a Roma e ancora insoluto.

blank
Simonetta Cesaroni e due protagonisti del giallo di Via Poma: Raniero Brusco e Pietrino Vanacore

L’avvocato Fabio Schembri: “Vi spiego cosa non torna negli ultimi grandi gialli italiani” – GUARDA

Sul reggiseno e sul corpetto della sfortunata Simonetta, infatti, furono ritrovate -peraltro a distanza di quasi quindici anni dal fatto, con conseguenti problematiche di affidabilità del campione, in questo caso superate – impronte genetiche “touch” del fidanzato, Raniero Brusco, unitamente ad altre miste, appartenenti ad almeno altri due soggetti sconosciuti. Per un inquadramento complessivo del caso invitiamo a leggere il libro Via Poma, oltre la Cassazione, scritto in collaborazione da Paolo Cochi, Paolo Loria e Francesco Bruno.

Per venire al caso Bossetti/Gambirasio, l’avvocato difensore di Massimo Bossetti, Claudio Salvagni, in questa intervista ,ha spiegato che l’impronta genetica , ritrovata sui leggins e sull’elastico delle mutandine della vittima, – verosimilmente “touch”, essendo ignota la provenienza tessutale-  e costata l’ergastolo al suo difeso in quanto considerata sua, era mescolata al DNA  della vittima e ad altro di appartenenza ignota.

L’avvocato ha confermato che, stando agli esiti del tracciamento genetico, solo il DNA della vittima è completo, mentre le altre due impronte genetiche, stranamente, sono parziali, l’una, quella attribuita a Bossetti, priva del DNA mitocondriale, l’altra priva di quello nucleare.

I giudici hanno sempre ritenuto che, per la  posizione “sensibile” della traccia corrispondente al DNA di Bossetti e più ancora per il fatto che sia “mescolata” al DNA della vittima, solo l’assassino possa averla rilasciata.

La difesa continua ad essere convintae proprio per questo seguita tenacemente a chiedere una ripetizione dell’analisi genetica – che le anomalie nel DNA attribuito al suo assistito, sommate a quelle presenti nell’altro DNA sconosciuto a esso mischiato, dimostrino la scarsa affidabilità del campione analizzato, inficiando il risultato ottenuto.

Ciò sembra ragionevole anche alla luce delle condizioni molto degradate delle tracce, trovate sugli indumenti di un cadavere rimasto per mesi all’aperto, esposto alle intemperie e trasformato dagli effetti della putrefazione.

La difesa lamenta anche numerose violazioni dei protocollo di tracciamento da parte del laboratorio che ha svolto l’analisi.

blank

Che cosa dice la scienza in merito all’analisi delle tracce “miste” di DNA?

Abbiamo recuperato questo articolo, intitolato “Il test del DNA non è infallibile”,(leggi qui).  Esso risale a diversi anni dopo al  test che ha portato all’ estrazione del profilo genetico di Massimo Bossetti dagli abiti della vittima, e quindi appartiene ad uno stadio certamente più evoluto delle metodiche di tracciamento del DNA.

Il post, scritto dalla giornalista scientifica Faye Flam,  fa una panoramica sull’uso giudiziario dei   test di rilevazione del DNA e, con riguardo alle tracce miste, così si esprime “Il DNA è affidabile quando viene analizzato correttamente, e quando il campione è abbastanza ampio e proviene da una persona sola. Semplificando molto, il sistema usato tradizionalmente prevede l’analisi di 13 parti diverse dei cromosomi, in cui il codice genetico tende a ripetersi in brevi sequenze. Il numero di queste sequenze in ognuno di questi punti varia da persona a persona. Se due campioni hanno lo stesso numero di sequenze in tutti e 13 i punti, la possibilità che provengano da persone diverse è una su diversi miliardi. Quando il DNA in un campione è misto, però, le cose cambiano e trarre conclusioni diventa più complicato. Il rapporto cita diversi casi sorprendenti, tra cui quello di un procuratore che negli Stati Uniti aveva detto alla giuria che le possibilità di un errore in una corrispondenza del DNA erano una su 1,1 miliardi. Da un’analisi successiva delle prove era però emerso che la possibilità era «più vicina a essere una su due»”. Secondo il genetista molecolare Greg Hampikian la cattiva analisi della miscela di DNA fu la causa dell’ingiusta condanna di un uomo chiamato Kerry Robinson nello stato della Georgia. Una donna che era stata stuprata da diversi uomini identificò uno dei sospettati, a cui venne poi offerto un accordo nel caso avesse a sua volta identificato i suoi complici. Dopo aver fatto diverse ipotesi l’uomo nominò Robinson. Nonostante la vittima non fosse riuscita a identificarlo, Robinson fu condannato e finì in carcere sulla base della prova del DNA. Hampikian, che lavora come volontario a capo dell’Idaho Innocence Project, esaminò il DNA concludendo che non solo non condannava Robinson, ma lo scagionava. Hampikian decise di usare il caso per dimostrare una tesi più ampia, e portò gli stessi campioni di DNA a un altro laboratorio chiedendo a 17 esperti diversi di analizzarli. Solo uno di loro concluse che il DNA avrebbe potuto essere di Robinson, mentre tutti gli altri dissero che l’analisi non era risolutiva o lo scagionava.”

Come è facile constatare attraverso una ricerca in rete, i contributi, scientifici e divulgativi, che predicano cautela nel trarre conclusioni perentorie dai risultati dell’analisi del DNA sono innumerevoli.

Per tutti questi motivi la giustizia statunitense, ma anche quella di altre nazioni straniere, fino a che la scienza non arriverà a sufficienti certezze sul tempo di deposito del DNA, e sul modo con cui è stato rilasciato, diretto o per trasporto, attualmente considera (vedi la voce touch DNA nella versione inglese di Wikipedia, corredata da numerose citazioni) le impronte di DNA un indizio (quello che nel diritto italiano si chiama“presunzione”, come ho riferito in questo post) che da solo non può supportare una condanna, ma deve essere corroborato da altri indizi e prove convergenti.

En passant ricordiamo che  nel caso di Massimo Bossetti (vedi post citato sopra)  mancano del tutto, ed anzi esistono indizi contrari.

Concludo con una considerazione che spero faccia ulteriormente riflettere.

Prendere per “oro colato” il ritrovamento di una traccia di DNA su una scena criminis potrebbe rivelarsi un insperato regalo ai delinquenti.

Sarà forse una deformazione che mi viene dall’aver scritto gialli e thriller, ma nel momento in cui un profilo genetico estrapolato su una scena criminis apre ipso facto  le porte della galera alla persona a cui risulta appartenere, un assassino ha un modo sicuro per farla franca:  commettere il delitto con guanti opportunamente sporcati del DNA di un innocente, cospargendone ad arte il luogo del crimine.

Per l’ampia disponibilità intorno a noi di simili tracce,  non è impresa impossibile procurarsi un campione di saliva, o di sudore di chicchessia a sua insaputa, e poi trasferirlo altrove…

Rino Casazza 

Guarda gli ultimi libri di Rino Casazza – QUI

Due parole su questo sito blank
(continua dopo la pubblicità)

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato un numero imprecisabile di racconti e 15 romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi in cui rivivono come protagonisti, in coppia, alcuni dei grandi detective della letteratura poliziesca. Il più recente è "Sherlock Holmes tra ladri e reverendi", uscito in edicola nella collana “I gialli di Crimen” e in ebook per Algama. In collaborazione con Daniele Cambiaso, ha pubblicato Nora una donna, Eclissi edizioni, 2015, La logica del burattinaio, Edizioni della Goccia, 2016, L’angelo di Caporetto, 2017, uscito in allegato al Giornale nella collana "Romanzi storici", e il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018. Nel settembre 2021, è uscito "Apparizioni pericolose", edizioni Golem. In collaborazione con Fiorella Borin ha pubblicato tre racconti tra il noir e il giallo: Onore al Dio Sobek, Algama 2020, Il cuore della dark lady, 2020, e lo Smembratore dell'Adda, 2021, entrambi per Delos Digital Ne Il serial killer sbagliato, Algama, 2020 ha riproposto, con una soluzione alternativa a quella storica, il caso del "Mostro di Sarzana, mentre nel fantathriller Al tempo del Mostro, Algama 2020, ha raccontato quello del "Mostro di Firenze". A novembre 2020, è uscito, per Algama, il thriller Quelle notti sadiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie